Hepic, prima imbarcazione a idrogeno per trasporto passeggeri

Hepic, prima imbarcazione a idrogeno per il trasporto passeggeri al Salone nautico di Venezia
VENEZIA - Rivoluzione “green” per il trasporto passeggeri a Venezia. Al Salone Nautico Venezia, in programma all’Arsenale fino a domenica sta suscitando grande interesse nel pubblico, “Hepic”, la prima imbarcazione a idrogeno per il trasporto passeggeri nella Laguna di Venezia. Il battello è stato realizzato in 24 mesi tramite un investimento privato iniziale di Alilaguna e Cantieri Vizianello di circa 1,5 milioni di euro, cofinanziato al 55% ai sensi di un Accordo di programma tra la Regione Veneto e il Ministero per l’Ambiente. Un progetto innovativo, la barca infatti naviga completamente ad energia elettrica. I vantaggi sono numerosi su ogni fronte: di fatto emissioni zero, grazie all’assenza di un motore endotermica. Silenziosa, nessun inquinamento acustico, è la soluzione più delicata e sicura per la navigazione, prevede un back up elettrico in eventuale caso di avaria. L’imbarcazione lunga 16 metri e larga 3,2 metri può ospitare 24 passeggeri.

Allo stato attuale gli unici problemi sono di carattere normativo come sottolineato dal Presidente di Alilaguna, Fabio Sacco: 
« Hepic non può ancora navigare per le acque lagunari perché è una novità in ambito marittimo e sussiste un gap normativo per le imbarcazioni alimentate a Fuel Cell che trasportano idrogeno a bordo a livello nazionale, mentre all’estero le normative si stanno adeguando o si sono già adeguate»
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 20 Giugno 2019, 13:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Hepic, prima imbarcazione a idrogeno per trasporto passeggeri
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-06-23 08:24:29
Ma il metano normale o bio da cacca umana o animalesca fa proprio schifo? Idea ganza: auto full electric con annesso nel bagagliaio un gruppo elettrogeno a gasolio che carica le batterie in caso di crisi..o imbarcazione ad elastico periodicamente da riavvolgere a cura dei passeggeri ..con posti tutti occupati.
2019-06-21 16:39:20
...ma chi conosce il futuro? Tanti scienziati Qui!
2019-06-21 12:45:12
credo che lasciando pendere certi voli pindarici come l'idrogeno ed i finti ibridi, se si progettassero degli scafi moderni che creano poco moto ondoso con dei motori diesel di ultima generazione che inquinano poco e fanno anche poco rumore la situazione a venezia migliorerebbe del 1000 per cento. naturalmente bisogna obbligare chi va per laguna ad adeguare i suoi mezzi che i soldi li hanno.
2019-06-21 11:40:07
L'idrogeno non sarà mai il futuro. Presenta problemi enormi di produzione, immagazzinamento, refrigerazione, corrosione dei metalli con cui viene a contatto, dimensionamento dei serbati per contenerlo... troppe rogne insormontabili.
2019-06-21 11:39:33
Continuiamo a dimenticare che il problema dell' idrogeno è prima di tutto come produrlo e nelle quantità che sarebbero necessarie se volessimo sostitutire tutti i motori esistenti con motori a idrogeno. Poi viene il problema di immagazzinamento e distribuzione: volgio vedere gli ecologisti e comitati per il no nostrani quando costruiranno un bel deposito di idrogeno vicino a casa loro.