Domenica 6 Ottobre 2019, 12:01

Venezia. La protesta: rive pubbliche diventano a uso privato

PER APPROFONDIRE: protesta, rive, uso, venezia
Venezia. La protesta: rive pubbliche diventano a uso privato

di Tomaso Borzomì

VENEZIA - L'ultimo esempio è quello di piazzale Roma, dove, poco distante dal nuovo pontile, un taxi impediva l'accesso alla riva pubblica. La segnalazione è partita dal Comitato di cittadini per la città d'acqua che da anni si spende per osservare i cambiamenti in città: «Da tre anni seguiamo la situazione di cambiamento che sta avvenendo sulla gestione dei canali, dei posti barca, delle rive pubbliche e della viabilità nei canali», spiega il rappresentante del gruppo Pierandrea Gagliardi. Un problema che in città si sente sempre di più, dato che spesso le imbarcazioni diventano poco utili ai veneziani che vivono e lavorano in città: «C'è una filosofia abbandonata, per esigenze dei privati che occupano lo spazio pubblico, legata alla viabilità. A noi veneziani che ci viviamo e lavoriamo le rive servono per traslochi, lavoro, emergenza o anche solo per andare in barca alla domenica. Chiudere la riva è come chiudere un passo carraio, eppure qui succede», continua Gagliardi.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Venezia. La protesta: rive pubbliche diventano a uso privato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-10-08 09:40:31
Avete voluto Brugnaro? ecco i risultati!
2019-10-07 17:51:27
A Venezia ci sono oltre SETTECENTO vigili urbani ne vedi mai qualcuno in giro per Venezia (qualche rara pattuglia) a Mestre nessuno solo quelli per le auto in sosta vietata o con lo scontrino scaduto da qualche minuto.
2019-10-06 20:16:53
Si, fame causa: in Italia fra sentenza di primo grado, sospensiva per fantomatici condoni approvati da governi vari a caccia di soldi, che comunque non valgono perchè grazie a Dio esiste la norma "condonabile, salvo il diritto di terzi" e sentenza di appello si arriva come nel caso mio a 19 anni. Nel frattempo se hai a che fare con gentildonne e gentiluomini come è sempre, ne vedi, te e i tuoi famigliari, di ogni.In ogni caso le leggi ci sono, non c'è la volontà di farle rispettare.
2019-10-06 20:15:35
Si, fame causa: in Italia fra sentenza di primo grado, sospensiva per fantomatici condoni approvati da governi vari a caccia di soldi, che comunque non valgono perchè grazie a Dio esiste la norma "condonabile, salvo il diritto di terzi" e sentenza di appello si arriva come nel caso mio a 19 anni. Nel frattempo se hai a che fare con gentildonne e gentiluomini come è sempre, ne vedi, te e i tuoi famigliari, di ogni.
2019-10-06 18:35:45
La regola è: non ci sono regole. No te piase? Fame causa.