Ponte della Libertà, tutta nuova la linea elettrica dei treni: il segreto dei portali a "T"

Martedì 11 Giugno 2019
I nuovi portali a T
4
VENEZIA - Il Ponte della Libertà inaugura una nuova linea elettrica dedicata al trasporto ferroviario e tranviario. Ci sono voluti 10 mesi di cantiere e 35.000 ore di lavoro notturno per per rinnovare completamente, potenziandola, la Trazione Elettrica ferroviaria sul Ponte della Libertà, lo storico collegamento translagunare che, dal 1845, unisce Venezia alla terraferma.

Da qualche giorno, rimosse le reti di protezione per gli ultimi ritocchi alle opere civili, il risultato è visibile ed apprezzabile sia dal punto di vista tecnico che nella sua dimensione estetica. Duplice, infatti, la finalità dell' intervento: ricostruire la linea di alimentazione elettrica con criteri tali da renderla più potente e più resistente ai fenomeni di aggressione atmosferica tipici dell'ambiente lagunare; in secondo luogo privilegiare un design non solo funzionale ma esteticamente sobrio ed innovativo, più idoneo ad inserirsi armoniosamente nel contesto ambientale ed architettonico d una città come Venezia.
«In accordo con la Soprintendenza Archeologica e la dirigenza Rfi - ha spiegato il progettista GCF Michele Granzotto - abbiamo adottato gli innovativi portali a T: rispetto alle strutture tradizionali, essendo basati su un unico pilone hanno potuto essere collocati al centro dei due ponti ferroviari, in una posizione arretrata rispetto all'acqua salmastra e, quindi, più protetta rispetto agli agenti corrosivi». Ultimo aggiornamento: 12 Giugno, 13:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA