Martedì 30 Aprile 2019, 09:02

Macchinista "strano" sul Frecciarossa. Era ubriaco: licenziato da Trenitalia

Macchinista "strano" sul Frecciarossa  Era ubriaco: licenziato da Trenitalia

di Davide Tamiello

VENEZIA È stato il capotreno a notare quanto, di fronte a un'operazione di assoluta routine, il macchinista di turno fosse in estrema difficoltà. L'uomo, dipendente di Trenitalia in servizio a Venezia, sembrava aver dimenticato codici di accesso e procedure di quel Frecciarossa, tanto da non essere nemmeno in grado di metterlo in moto. A quel punto, il collega gli ha consigliato di chiedere il cambio. Nel frattempo, però, è intervenuta anche la Polfer per accertare i motivi di quell'improvviso malore. L'alcol test ha sciolto qualunque dubbio: l'uomo aveva bevuto troppo. Il caso risale a fine febbraio e si è concluso, il 2 aprile scorso, con il licenziamento del macchinista. «Trenitalia è assolutamente intransigente verso situazioni di questo genere che possano mettere a rischio la sicurezza». Inevitabile che l'episodio, avvenuto nella stazione di Venezia Santa Lucia, faccia pensare al caso dei due macchinisti ubriachi sul Frecciarossa che sarebbe dovuto partire da Brescia per Napoli. La differenza, a Venezia, è che il treno doveva essere portato dalla stazione al deposito ferroviario di Mestre. Il che significa che il
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Macchinista "strano" sul Frecciarossa. Era ubriaco: licenziato da Trenitalia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 46 commenti presenti
2019-04-30 23:03:02
Mi è capitato di partecipare a gite aziendali in pullman. Chi guida lo vedi e ci stai insieme. Gente sempre trovata seria che fa le pause obbligatorie, mangia con te, ma rifiuta l'alcol e se non è "giusta" beh... la vedi subito. Adoro invece i treni veloci, di cui mi servo per lavoro. Ah, quanto mi piace che guidi un altro, io comodissimo al computer, a leggere o a sonnecchiare.... Poi in questi giorni mi viene il dubbio di - forse - aver avuto in plancia di comando gaglioffi ubriachi spolpi. A te poi del tutto sconosciuti. Non è successo niente, certo. Ma c'erano forse. E quante volte magari? E tutto questo fa la differenza. E le scuse che sento e i relativi contesti sono di una debolezza risibile: per dirla alla veneta avevano una "simia" intorno da far paura. Ciucchi come carrettieri (appunto) e impossibili da passare inosservati nel loro miserevole stato. Da chiunque passasse loro accanto. Solo il loro degrado - abominevole per entità - li ha persi.
2019-04-30 19:46:43
Ma quale macchinistra strano. Si scrive macchinista ubriaco.
2019-04-30 19:34:38
Scommettiamo che i sindacati faranno di tutto per farlo riassumere?
2019-04-30 17:54:04
Caspita bella olandesina e quanto pesi?
2019-04-30 16:45:35
Mi dispiace per voi. Venezia regna. Il resto è campagna. FINE.