Anello nelle mutande e Rolex in tasca: ladro inseguito e fermato tra le calli

PER APPROFONDIRE: hotel, ladro, venezia
Venezia. Ladro in un hotel di Calle Larga XXII Marzo
VENEZIA - Domenica 25 giugno, di mattina, gli agenti del Commissariato San Marco, impegnati in un servizio di controllo del territorio svolto congiuntamente da pattuglie in divisa ed in abiti civili, hanno tratto in arresto un ventiseienne polacco, resosi responsabile di un furto all’interno di un celebre albergo di Calle Larga XXII Marzo.

Il giovane, con a carico numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio e per questo motivo già conosciuto dagli uomini del Commissariato San Marco, è stato notato da personale dell’hotel addetto alle pulizie mentre usciva furtivamente da una camera. Seguito fino all’uscita, è stato poi bloccato in una calle vicina, anche grazie all’intervento di alcuni passanti attirati dalle grida di chi lo stava rincorrendo. A quel punto è stato chiamato il 113 e la pattuglia, prontamente intervenuta sul posto, ha bloccato l’individuo, che nascondeva nelle mutande un anello d’argento e nella tasca dei bermuda un orologio di marca Rolex del valore di circa 4.000 euro oltre ad un cellulare ed alcune banconote. L’uomo è stato trovato in possesso anche di 20 schede telefoniche e di un foglio di plastica di forma rettangolare, usati presumibilmente per forzare le porte delle stanze.

La successiva perquisizione, condotta nella stanza dell’hotel di Mestre in cui l’uomo aveva preso alloggio, è risultata anch’essa fruttuosa in quanto, occultate in una valigia, venivano ritrovate un centinaio di schede telefoniche e numerosi oggetti atti allo scasso. Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro penale. L’uomo è stato, pertanto, tratto in arresto per il reato di furto in abitazione. Al termine delle attività di rito, è stato condotto al carcere di Santa Maria Maggiore.

Nella tarda mattinata di ieri si è celebrato il processo per direttissima. Al termine dell’udienza, il Tribunale di Venezia ha convalidato l’arresto, rinviando all’udienza del prossimo 3 luglio e disponendo la misura cautelare del divieto di dimora nella Regione Veneto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 25 Giugno 2019, 12:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Anello nelle mutande e Rolex in tasca: ladro inseguito e fermato tra le calli
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2019-06-25 22:09:35
Un illustre compatriota del ladro disse " Se sbalio mi corigerete". E questo saria da "corigerlo" in gaera un per de ani.
2019-06-25 21:53:17
Sempre e solo stranieri. Vengono in Italia perchè, grazie alle leggi buoniste, sanno di farla sempre franca...
2019-06-25 21:25:38
Il vostro governatore anziché pensare a gel e pettinature, che faccia qualcosa di concreto, ad oggi lo sostenete per Il nulla ... il Veneto oramai è terra di nessuno
2019-06-25 19:27:18
Chi prende la coda ha un giro gratis , coraggio su venite in Italia la giostra e piena di premi.
2019-06-25 18:51:29
Cerchiamo di non essere troppo duri con le condanne altrimenti i delinquenti stranieri saranno costretti ad abbandonare il paese del bengodi !!!!