«Ti presento mia sorella...»: ciclisti
raggirati e derubati delle bici-gioiello

PER APPROFONDIRE: bici, ciclisti, furto, padova, treviso, truffa, venezia
«Ti presento mia sorella...»: ciclisti
raggirati e derubati delle bici-gioiello
VENEZIA - La polizia stradale di Venezia ha individuato cinque cittadini sudamericani specializzati in furti di biciclette sportive da corsa e mountain bike di notevole valore. Sono state recuperate 5 bici del valore complessivo di 25.000 euro.

Il gruppo di malviventi, tutti denunciati, con estrema astuzia, agiva nei luoghi di raduno degli sportivi, come le aree pianeggianti del Montello nel Trevigiano e dei Colli Euganei, nel Padovano. Il modus operandi era ben collaudato: la vittima veniva accostata da uno degli indagati sempre in sella ad una mountain bike e vestito con abbigliamento ginnico e caschetto protettivo, proprio per far cadere in inganno lo sportivo. Quest'ultimo veniva invitato dal malvivente, con il pretesto di fare delle competizioni, a conoscere una fantomatica sorella, titolare di un negozio di biciclette, in un paese vicino. Qui c'era un secondo complice ad attenderli che, con la scusa di "testare" il pregiato velocipede, riusciva a salire in sella e fuggire, raggiungendo gli altri indagati che lo attendevano a bordo di un'auto sulla quale caricavano il mezzo.

Le indagini sono iniziate nello scorso aprile 2016 quando una pattuglia della polstrada ha fermato, sul Passante di Mestre, uno degli indagati che guidava un'auto che trasportava due bici rubate. Gli agenti hanno poi trovato la "base logistica", recuperando altre bici di valore. In un'occasione i malviventi non si sono fermati all'alt dei poliziotti che li hanno bloccati dopo un inseguimento ad alta velocità. Nella vettura c'era una bici da corsa del valore di mille euro che era stata appena rubata.

Le bici recuperate
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 1 Settembre 2016, 12:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Ti presento mia sorella...»: ciclisti
raggirati e derubati delle bici-gioiello
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2016-09-02 17:33:03
x enricosecondo 2016-09-02 15:30:25 - Capisco, sarebbe opportuno allontanare gli extracomunitari, per lasciare spazio ai nuovi inquilini del nord, che giorno per giorno cadono nella rete, quindi non c'è tempo da perdere, fatto il versamento?
2016-09-02 15:30:25
franco tv: "tutti qua devono venire" ebbene oltre il 70% dei detenuti delle carceri venete sono extracomunitari o dell'Est o del Sud, vero non siamo molto fortunati e dal 1866....
2016-09-02 11:33:54
x Phoenix the real one 2016-09-02 08:09:48 - Capisco la sua missione, noi purtroppo dobbiamo presidiare, dato che spesso quì li trovano sempre in casa, oltretutto abbiamo alcuni in affidamento e dobbiamo seguirli, altrimenti sbandano col treruote, ad ognuno un compito. Non possiamo abbandonare l'oltreponord, altrimenti quando lei rientra non trova nulla di accogliente, buon lavoro.
2016-09-02 10:15:57
@Gnampolo 2016-09-01 13:34:37-- grazie della dritta, il problema è che ci si deve guardare attorno anche davanti alla porta di casa. ma che dico? anche dentro casa nostra.
2016-09-02 08:09:48
@ Franco.tv. Re. E invece mi sa proprio che me la cavo cosi',perche' detto tra noi, non sono mica pensionato io,devo lavorare io,per accudire un figlio grande in italia e diverse '' Nong-Sao'' (sorelle minori) a sud e ovest del Mekong,mica posso perdere tempo a commentare sul Gazzettino,io. Buona giornata a lei.