Venezia, Daspo urbano a chi sporca. Multe fino a 500 euro, bar-sentinelle

PER APPROFONDIRE: daspo, urbano, venezia
foto di repertorio
VENEZIA - Chiunque a Venezia «sporca in qualsiasi modo luoghi pubblici» dovrà pagare una sanzione amministrativa da 25 euro a 500 euro», e chi non rispetterà il decoro della città potrà incorrere in pesanti sanzioni, fino al Daspo urbano. È una delle misure divenute ora effettive con il nuovo regolamento di polizia urbana, approvato oggi dal Consiglio comunale a larga maggioranza.  

Norme sulla pulizia e sul decoro che dovranno far rispettare ai propri clienti anche bar, ristoranti e locali concessionari di aree pubbliche, tenuti a mantenere costantemente puliti i plateatici. Per costoro c'è inoltre l'obbligo del servizio di raccolta differenziata per un raggio di 100 metri lineari dall'ingresso dell'attività. Piatti e bicchieri di plastica dovranno essere poi "brandizzati" entro un anno dall'entrata in vigore del regolamento, per renderli riconoscibili in caso di abbandono. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 16 Maggio 2019, 18:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Venezia, Daspo urbano a chi sporca. Multe fino a 500 euro, bar-sentinelle
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-05-17 16:40:30
NUMERO CHIUSO E BASTA !!!!
2019-05-17 10:19:18
Questa e' LA porcata del millennio. La stupidita'al potere. E noi paghiamo gli amministratori per QUESTO? Ed i supermercati? e tutti i miseriosi che vengon con il pranzo in zainetto ed IO pago per le loro scoasee? QUESTO FA SCHIFO,
2019-05-17 09:53:49
da quanto leggo e' facile prevedere una quantita' di cause per incostituzionalita' dei provvedimenti. Ma brugnaro non ha fatto controllare il testo da un avvocato anche scalzacani?
2019-05-17 08:14:15
differenziata a 100 metri... ma davvero anche a venezia come a treviso o padova, i baristi quando liberano i tavoli infilano tutto nel cestino pubblico?...
2019-05-17 08:10:23
Il daspo urbano per turisti mi sembra lasci il tempo che trova, visto che la gran parte viene a Venezia una volta nella vita. Invece se il fine ultimo e' non sporcare, perche il Comune non obbliga SE STESSO a dislocare i bottini delle immondizie a distanze ragionevoli, diciamo ogni 200/300 metri, come ha fatto per i locali pubblici??? Obbligare i turisti a non sporcare ma privarli della possibilita' di non sporcare e' una furbata tutta politica.