Il premier Conte: «Oggi decreto per lo stato di emergenza. Rimborsi, fino a 5mila euro ai privati, 20 ai negozianti. Spitz nuovo commissario»

Il premier Conte: «Oggi decreto per lo stato di emergenza. Rimborsi, fino a 5mila euro ai privati, 20 ai negozianti. Spitz nuovo commissario»
VENEZIA - Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è arrivato alle 8,15 nella sede della prefettura di Venezia per un incontro con il sindaco Luigi Brugnaro e con il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, per ragionare sulla situazione che si è determinata dopo l'acqua alta eccezionale dell'altra sera. La riunione servirà anche per definire gli interventi di protezione dalle alte maree che saranno attuati nei prossimi mesi a Venezia.

È arrivato nella sede della prefettura di Venezia anche il governatore del Veneto Luca Zaia, accompagnato dal suo staff. Conclusa la riunione tecnica, secondo quanto si è appreso, Conte incontrerà, come già avvenuto ieri sera, alcuni cittadini e commercianti prima di far rientro a Roma.

LEGGI ANCHE Berlusconi attraversa in stivaloni di gomma piazza San Marco

CONTE:
«OGGI IN CDM DL STATO EMERGENZA»
«Con il Cdm di oggi adotteremo il decreto che dichiara lo stato di emergenza per Venezia: c'è stato chiesto dal presidente della Regione». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte al termine della riunione in Prefettura a Venezia con il ministro dei Trasporti Paola De Micheli, il Governatore Luca Zaia e il sindaco Luigi Brugnaro. «Questo ci consentirà - ha spiegato - di varare già la prima dotazioni finanziarie per quanto riguarda le spese di primo soccorso volte a ripristinare le funzionalità dei servizi».

Il Consiglio dei ministri è convocato in data odierna, alle ore 16.30 a Palazzo Chigi, per l'esame del seguente ordine del giorno: - Leggi regionali: esame, ai sensi dell'articolo 127 della Costituzione, di leggi regionali; - provvedimenti a norma dell'articolo 24 del decreto legislativo n. 1 del 2018 Dichiarazione dello stato di emergenza nei territori della Regione Veneto colpiti dagli eccezionali eventi meteorologici che si sono verificati a partire dal giorno 12 novembre 2019; Dichiarazione dello stato di emergenza nel territorio della provincia di Alessandria interessato dagli eventi meteorologici che si sono verificati nei giorni dal 19 al 22 ottobre 2019. Lo si legge in una nota di Palazzo Chigi.

IL PREMIER CONTE A PELLESTRINA - Ecco come si presenta oggi l'isola veneziana "affondata" dalla marea - GUARDA IL VIDEO

IL COMITATONE
Verrà convocato il 26 novembre il Comitatone interministeriale per la salvaguardia di Venezia. Lo ha annunciato il premier Giuseppe Conte. «Discuteremo anche - ha precisato la governance per i problemi strutturali di Venezia, grandi navi, Mose, e un maggiore coordinamento tra le autorità competenti».

FINO 5MILA EURO A PRIVATI, 20 A ESERCENTI
Per quanto riguarda il ristoro dei danni Conte ha detto che vi sono due fasi: «la prima - ha sottolineato - ci consentirà di indennizzare i privati e gli esercenti commerciali sino ad un limite per i primi di 5mila euro e per i secondi di 20mila euro». Conte ha assicurato che i soldi «potranno arrivare subito e ovviamente faranno per ristorare i danni». «Poi per chi ha danni più consistenti - ha aggiunto - ovviamente li quantificheremo con più calma e dietro istruttoria tecnica potranno essere liquidati».

IN ARRIVO COMMISSARIO STRAORDINARIO PER IL MOSE
«Sta arrivando il Commissario straordinario per il Mose - ha spiegato Conte - dobbiamo integrare la nomina del Consorzio Venezia Nuova e poi c'è ancora il Provveditorato competente sulle acque sul quale stiamo facendo una valutazione. Dobbiamo coordinare meglio il lavoro di questi differenti organi». Alla domanda sui tempi di nomina del Commissario, il premer ha detto «la designazione già c'é, stiamo formalizzandola».

Intanto a Radio Capital la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha detto che «sarà Elisabetta Spitz», ex direttore dell'Agenzia del Demanio, il super commissario per il Mose.




LE PAROLE DEL PREMIER CONTE SU VENEZIA
«Per Venezia c'è un impegno a 360 gradi, c'è una situazione drammatica in una città unica, ci dobbiamo essere». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte uscendo dall'hotel nel quale ha dormito stanotte. Alla domanda se l'impegno per finire il Mose basterà, «Speriamo, confidiamo di sì, è un'opera su cui ormai sono stati spesi tantissimi soldi ed è in dirittura finale, ora va completata e poi manutenuta». E ai veneziani: «Siamo vicini a voi e speriamo di prevenire queste situazioni drammatiche, perché non si ripetano più».

 

I VIDEO
Venezia con l'incubo acqua alta martedì 12 notte
L'acqua alta e il vento a Venezia, panico in centro storico
Venezia, un fiume d'acqua in via Garibaldi a Castello
Il risveglio di Venezia: danni pesantissimi, città in ginocchio
La città con la marea, ancora una volta sommerso il nartece della Basilica di San Marco

Venezia allagata. Il premier Conte in visita alla Basilica di San Marco
Acqua alta a Venezia, piazza San Marco allagata e c'è persino chi nuota
IN VOLO SULLA LAGUNA - Venezia martoriata dall'acqua alta vista dall'elicottero della Polizia
ISOLA ALLAGATA Pellestrina "salvata" dai pompieri dell'Hcp
Venezia, i turisti tornano in Piazza San Marco per scattare selfie nell'acqua alta
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 14 Novembre 2019, 08:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il premier Conte: «Oggi decreto per lo stato di emergenza. Rimborsi, fino a 5mila euro ai privati, 20 ai negozianti. Spitz nuovo commissario»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2019-11-14 14:43:29
Quindi io (lo Stato sono anch'io) dovrei pagare i danni causati in un luogo dove, anche solo per accedervi, dovrei ancora pagare? Ma se una tromba d'aria distrugge le attrazioni di Gardaland, chi le paga, lo Stato? E i terremotati del centro Italia quali risarcimenti hanno avuto?...ah, scusate, Amatrice non è Venezia, evidentemente un barista di Amatrice non ha la stessa dignità di un barista (magari cinese) di Venezia. Poi, tra l'altro, mi chiedo dove sono i venetisti, i dogi, i "serenissimi": non gli fanno schifo adesso i soldi degli altri?? Siano coerenti, dicano di no. È stata istituita la tassa di sbarco perché bisogna preservare l'unicità di Venezia; bene, anche l'acqua alta fa parte di tale unicità, vengano usati quei ricavi per i danni, non i soldi degli altri italiani che dovranno pagare di nuovo semplicemente per mettere piede a Venezia.
2019-11-15 00:09:29
Il Veneto non riceve i soldi degli altri.Il Veneto paga annnualmente miliardi di tasse in eccedenza dei servizi che riceve e i soldi che ricevera' da Roma sono soldi del Veneto.Fa schifo invece chi vive del lavoro degli altri!
2019-11-15 00:16:56
Il Veneto non domanda di meglio che di arrangiarsi da solo con le sue tasse.
2019-11-14 14:32:08
I cittadini di Venezia sono sempre stati presi in giro dalle amministrazioni pubbliche di ogni ordine e grado (ed anche sfrattati dalla loro città). I veneziani non sono rappresentati da nessun amministratore comunale, i problemi dei veneziani non esistono nemmeno per gli amministratori del comune di Venezia. Solo votando SI al referendum sulla separazione delle città i veneziani potranno avere voce in capitolo sulla gestione della città altrimenti resteranno una minoranza, i cui problemi non interessa a nessuno.
2019-11-14 14:24:31
A posto. SpRitz per tutti, sto giro xe de Conte