Vaccinato con doppia dose ucciso dal Covid: anticorpi mai sviluppati. Il figlio: «Va fatta chiarezza»

Domenica 26 Settembre 2021 di Gian Nicola Pittalis
Vaccinato morto di Covid
21

MESTRE - Un pensionato mestrino di 70 anni, è morto di Covid all'Ospedale all'Angelo anche se era stato regolarmente vaccinato due volte e aveva il suo Green Pass. Non aveva sviluppato gli anticorpi e questo gli è stato fatale, a provocarne il decesso è stata una polmonite da Covid-Sars 19. Dice il figlio, un insegnante di 42 anni: «Forse varrebbe la pena, una volta vaccinati con la doppia inoculazione, verificare anche come si stanno sviluppando gli anticorpi. Sia a livello quantitativo che a livello qualitativo. Cosa che può essere fatta tramite un apposito esame a carico del cittadino in qualsiasi struttura ospedaliera. Mio padre era stato vaccinato con AstraZeneca».
IL CONTAGIO
I fatti risalgono a pochi giorni fa. L'insegnante si è sentito male dopo un viaggio di fine settimana a Rimini. Pur essendosi sottoposto al ciclo completo di vaccinazione, sempre con lo stesso tipo di vaccino, ha contagiato il padre e la madre. L'unica della famiglia a non contrarre il virus è stata la sorella che abita fuori regione. Immune anche la nonna che vive con loro. Il pensionato, nonostante la vaccinazione completa, non ha sviluppato gli anticorpi: eventualità rara ma può verificarsi, spiegano i medici. L'uomo, prima del contagio, stava bene e non aveva alcuna malattia pregressa inficiante. È stato, però, necessario il ricovero immediato all'Angelo nel reparto di terapia intensiva dove in pochi giorni si è spento per la forma letale del covid. La moglie e il figlio hanno superato la malattia e sono già stati dimessi.
Racconta l'insegnante: «Mia mamma ha avuto solo una forma di polmonite leggera tanto da non finire in terapia intensiva, mentre io l'ho presa in forma più aggressiva da avere una diagnosi di polmonite interstiziale. Purtroppo papà, non avendo funzionato il vaccino, l'ha contratta nella forma più forte». Il figlio del pensionati per sicurezza ha ricevuto il referto della Tac polmonare che ha dimostrato la sua completa guarigione anche se dovrà per un po' di tempo evitare sforzi eccessivi. Il giovane insegnante che si dichiara apertamente favorevole ai vaccini, chiede comunque spiegazioni sul perché l'AstraZeneca non abbia funzionato come avrebbe dovuto.
L'APPELLO
«Sono fortemente scosso dalla morte di mio padre. Il fatto che, come mi è stato confermato, non avesse sviluppato gli anticorpi mi pone seri dubbi. È vero che proprio su quel vaccino e sulla sua efficacia c'erano discussioni che mi avevano fatto dubitare tanto da sconsigliarlo ai miei. Dubbio che sale perché nonostante il contatto stretto, la nonna vaccinata completa con Pfizer non ha avuto alcun sintomo ed è risultata negativa. Adesso mi chiedo: è stato un caso che può capitare tra tanti milioni di vaccinati o è invece proprio il vaccino che in questo caso non ha agito come gli altri? Non voglio suscitare nessuna polemica e nemmeno mettere in discussione la necessità di vaccinarsi per superare questa terribile pandemia. Mio padre è morto di Covid. Ma credo di avere il diritto a una risposta: come mai, nonostante la doppia vaccinazione, il mio adorato papà non c'è più?».
 

Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 08:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA