«Abbiamo tentato di abortire 23 volte», tutto inventato: denunciate 2 sindacaliste Cgil

Sabato 15 Dicembre 2018
36

VENEZIA  - Due sindacaliste della Cgil sono indagate dalla Procura per diffamazione aggravata dopo le accuse di ostacolo a interrompere la gravidanza che erano state mosse contro il Servizio sanitario veneto. Lo rende noto la Regione. A entrambe è stata notificata la conclusione delle indagini preliminari, assieme all'avviso di garanzia.

Gli accertamenti, partiti dalla denuncia di una delle due donne, supportata dalla seconda, di aver tentato invano di abortire in 23 strutture ospedaliere sino all'intervento della Cgil, hanno verificato che la denuncia era falsa. Secondo la Procura, «la prestazione di interruzione della gravidanza fornita e garantita dal Servizio Sanitario è stata pienamente rispettosa dei tempi previsti dalla legge» ed è intervenuta senza alcuna interposizione della Cgil. Ritenendo di aver subito un grave danno d'immagine dall'azione delle due sindacaliste, la Regione del Veneto si riserva di costituirsi parte civile nell'ambito del procedimento.

Ultimo aggiornamento: 18:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA