Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Uccide la vicina di casa con la sega
elettrica e si barrica: catturato

Venerdì 15 Gennaio 2016
Riccardo Torta dopo la cattura e la polizia in via Ca' Venier
13

MESTRE -  Catturato dai Nocs l'assassino della donna fatta a pezzi con una motosega. L'omicidio in uno stabile di via Ca' Venier, una strada nel centro di Mestre. Riccardo Torta, questo il nome dell'assassino, ha 68 anni e nel 1973 aveva già ucciso una prima volta. Attorno alle 20, dopo avere massacrato Nelly Pagnussat di 78 anni, si era asserragliato nella sua abitazione.
 




Tutta la zona era stata circondata dalla polizia che ha schierato anche agenti del Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza.

Le teste di cuoio erano attrezzate per penetrare nell'appartamento dove si era barricato Torta che tuttavia ha aperto agli agenti dopo un lungo assedio e la trattativa con l'ausilio di uno psicologo. A tarda sera la fine dell'incubo.
Ad accorgersi dell'omicidio due studentesse cinesi che abitano al piano sopra e hanno visto Torta uscire dall'abitazione dell'anziana signora, che lui chiamava zia, tutto insanguinato.
Nel 1973 Torta uccise un finanziere, Alberto Calascione, gettando un blocco di porfido dal ponte dell'Accademia sull'imbarcazone delle fiamme gialle.

Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio, 08:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci