Tom Cruise, lo sbarco a Venezia da... Mission impossible

Martedì 20 Ottobre 2020 di Costanza Francesconi

Un taxi col nome Desio dipinto a poppa sfreccia nel Rio de l'Alboro. I paparazzi e fan in fermento al traghetto delle gondole vengono cautamente allontanati dal personale dell'albergo Gritti. Tom Cruise, sferrando in borghese un inatteso colpo da agente Hunt raggiunge il suo alloggio dall'ingresso laterale e inganna con un colpo di scena chi lo attendeva all'ingresso d'acqua dell'albergo sul Canal Grande.
Con la massima discrezione che si addice a un agente segreto dell'Imf (Impossible mission force), il protagonista del VII e dell'VIII episodio di Mission Impossible girato in questi giorni a Venezia - non finisce di stupire. Obiettivo: fare ritorno nella struttura veneziana cercando di non attirare l'attenzione. Nonostante la cura dell'hotel a non far trapelare indiscrezioni riguardo gli spostamenti del suo prestigioso ospite, intorno alle 5 di ieri pomeriggio Tom Cruise era tuttavia atteso da più di qualcuno. Ma dal pontile del palazzo che affaccia sul bacino di San Marco e sulla basilica della Salute non si è visto passare nessuno. Il noto volto di Hollywood è infatti smontato al volo dal suo motoscafo servendosi di un ingresso secondario. Ha scaricato i bagagli e con la stessa agilità da spia che sfodera sul set è sgattaiolato all'interno dell'edificio.

Video


COME IN UN FILM
Il rocambolesco attracco di Cruise si è sviluppato in più atti, secondo un canovaccio ben preciso, degno della regia di McQuarrie. Un paio di barche hanno preceduto di una mezz'ora l'arrivo dell'agente Ethan Hunt in borghese. La coppia di imbarcazioni ha continuato tuttavia a navigare in direzione Vallaresso. A bordo presumibilmente si trovavano altri attori del cast, tra cui due ragazze dai capelli biondi, che facilmente dormono nei paraggi del Gritti. Nella cabina di Desio invece Tom Cruise era l'unico viaggiatore. Nell'intervallo di tempo trascorso tra la passerella d'acqua dei suoi colleghi e il suo arrivo, i bodyguards all'ingresso di terra dell'albergo si sono assicurati che intorno non ci fossero occhi indiscreti. Ciò nonostante, liberata la piazza, hanno valutato fosse più opportuno un piano alternativo. Per non rischiare che si creasse una folla di curiosi in Campiello del Traghetto, gli uomini della sicurezza del Gritti hanno optato per una strategia differente. Ecco che Cruise, in una mossa d'agente speciale, attua agilmente il copione. Tanto veloce da risultare quasi invisibile, sparisce tra i corridoi del suo quartier generale, senza scordarsi di ringraziare il ragazzo alla guida del taxi che gli passa i bagagli. Solleva il manico del trolley e, prima ancora che qualcuno lo possa intercettare, scompare al sicuro. Talmente calato nei panni del suo personaggio, Tom Cruise rimane magistralmente sotto copertura anche quando non recita nella pellicola che giorno e notte sta animando le sconte veneziane. Sarà più semplice incontrarlo a spasso per la Venezia by night? O forse questa è destinata a rimanere la vera mission impossible? Per scoprire i futuri sviluppi non bisogna far altro che seguirne gli indizi.
 

Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre, 09:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA