Sfreccia a 113 in Romea, poi politico
grillino scrive: «Toglietemi la multa»

Martedì 27 Settembre 2016 di Alda Vanzan
Simone Scarabel e un autovelox
93

VENEZIA - Cosa fa un normale cittadino quando prende la multa? Di norma la paga, può capitare che la contesti. Il "cittadino" Simone Scarabel ha fatto di più: ha contestato il regolare funzionamento dell’autovelox che l’ha beccato mentre sfrecciava sulla Romea tra Rosara e Codevigo, nel padovano, a 113 all’ora contro il limite di 90. Quindi ha chiesto che gli venga tolta la multa. E ha chiesto anche tutta la documentazione relativa all’autovelox più una serie di documenti su infrazioni, numero di incidenti, progetti di fattibilità, tali da mettere al lavoro per una settimana intera gli uffici del Comune.

Occhio: per le due richieste - toglietemi la multa e datemi le carte - non ha utilizzato un normale foglio bianco. No, Simone Scarabel ha usato la carta intestata al gruppo consiliare regionale del Movimento 5 Stelle di cui a Palazzo Ferro Fini è consigliere e, da poco, capogruppo. E quando dal Comando della polizia locale gli è stato chiesto in quale veste agiva, se da normale cittadino o da politico, Scarabel non ha avuto problemi a rispondere: entrambe le vesti.
 

Ultimo aggiornamento: 19:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA