Un "ticket" per Piazza San Marco: il Comune apre al numero chiuso

Un "ticket" per Piazza San Marco:  il Comune apre al numero chiuso
VENEZIA  - Il pagamento di un ticket per prenotare l'ingresso in piazza San Marco a Venezia «è un'eventualità che esiste, non subito, e comunque nell'ambito di un percorso concertato» conferma  l'assessore comunale al Turismo Paola Mar, dopo l'approvazione ieri giunta del documento di indirizzo da parte della giunta Brugnaro. «San Marco è un'area monumentale, vincolata e abbiamo valutato anche la proposta di chiusure limitate dell'area marciana, con eventuale ticket, verificando che sotto il profilo tecnico e giuridico è possibile».

Le prime sperimentazioni di 'numero chiuso' dell'area marciana potrebbero arrivare già entro la prossima estate. Ma una data certa non c'è, così come l'ipotesi ' ticket' non fa parte della delibera d'indirizzo, sottolinea la stessa Mar. È una delle 23 proposte progettuali fatte da associazioni, categorie economiche e cittadini ascoltate in questi mesi dalle commissioni consiliari competenti, confluite nelle linee generali che hanno portato alla delibera. Se si arriverà alle prove di chiusura della piazza, in determinati giorni o fasce orarie di affollamento, chiarisce l'assessore, «ciò avverrà solo al termine di un percorso concertato con tutte le istituzioni e le realtà coinvolte nella gestione dell'area marciana». 

"Se ne può discutere ma non si penalizzi in nessun modo chi dorme negli alberghi e spende nella città". A dirlo è il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca. «Sicuramente il sovraffollamento delle città d'arte è un problema - dice Bocca - ma bisogna dare priorità a chi dorme e soggiorna in queste località».

I particolari sul Gazzettino del 29 Aprile
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 28 Aprile 2017, 18:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Un "ticket" per Piazza San Marco: il Comune apre al numero chiuso
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2017-04-29 10:06:02
Venezia vive di turismo, di che altro potrebbe vivere? Ma che viva del turismo veneziano tutto l'entroterra è impensabile. E' questo che crea sovraffollamento, intasamenti, a partire da Piazza Roma, congestionato dall'orda di turisti che arrivano la mattina da Mestre e circondario dopo avervi pernottato. Non si può pensare di risolvere il problema fermando i turisti una volta che sono già arrivati, bisogna evitare che ne arrivino troppi. Si pensa di bloccare l'accesso a San Marco e intanto si costruiscono nuove megastrutture destinate a ospitare migliaia di altri turisti a Mestre. E' un controsenso!
2017-04-29 09:48:08
@ GV: ps : quale legge speciale? Guardi che i tempi sono cambiati, non c'è più nessuna legge speciale.
2017-04-29 09:40:41
@ GV. Mi scusi caro signore, ma nelle nostre (visto che io ho casa) stupende dolomiti, pur arrivando anche persone incivili, il problema non è così accentuato come a Venezia. Vorrei vedere se vedesse il suo paese deturpato da orde di barbari incivili se la penserebbe ancora così...
2017-04-29 09:11:17
Personalmente i tornelli li metterei a P.le Roma e alla fermata della motonave proveniente da Punta Sabbioni. Biglietto di ingresso differenziato a seconda che il turista sia di passaggio o meno e variabile a seconda della durata del soggiorno, che dia diritto a ricevere in cambio servizi (vaporetti a prezzi ragionevoli, aree di sosta attrezzate, cassonetti, entrata ad alcuni musei gratuita). Al momento funziona al contrario: chi soggiorna in Hotel, mangia in ristorante e porta qualcosa alla città paga anche la tassa di soggiorno (di recente raddoppiata, così, giusto per non sbagliare... !!), chi viene da casa con i panini e le birre in zaino e mangia sul selciato lasciando le proprie cose in giro niente... Farei entrare gratis SOLO residenti e lavoratori. No accattoni e gente che con borse o comunque che viene qui solamente per delinquere. Anche questo sarebbe un bel servizio offerto a chi viene a Venezia e non ha voglia di passare la giornata in commissariato a denunciare il furto del portafoglio etc... Adesso datemi pure del nazista. Buona giornata a tutti.
2017-04-29 09:08:39
Il ticket per Piazza San Marco, che poi lo scopo sarebbe quello di limitare l'insopportabile flusso di turisti a Venezia che e' come una "bomboniera", e' un sistema empirico. Sarebbe come voler svuotare un lago con il colino per il brodo. A questo fenomeno a mio avviso bisogna agire con i sistemi "naturali" come ad esempio si fa per sbarazzarsi delle cavallette mandando contro i ricci che come e' risaputo sono voraci di questi animaletti. Per Venezia il sistema "naturale" sarebbe quello di rilasciare la licenza di "lavoro" a qualche centinaio di operatori come rom, zingari, barbanera, accattoni, suonatori di fisarmonica improvvisati dell'est Europa e vedrete che in poco tempo con questi personaggi in circolazione, oltre a quelli che ci sono gia' di questo stampo ovviamente, il numero dei turisti in eccesso si ridurrebbe drasticamente.