Quindicenne triestina stuprata in spiaggia, niente domiciliari per Gueye

PER APPROFONDIRE: jesolo, mohamed gueye, spiaggia, stupro
Quindicenne stuprata in spiaggia, niente domiciliari per ​Gueye
JESOLO - Il tribunale del Riesame di Venezia ha rigettato il ricorso presentato da Mohamed Gueye, il 25enne senegalese accusato di aver stuprato una 15enne in spiaggia a Jesolo. L'indagato, senza fissa dimora e che è in carcere con l'accusa di violenza sessuale, attraverso il suo avvocato Jacopo Stefani aveva chiesto ai giudici del Riesame l'applicazione degli arresti domiciliari a casa di parenti. L

a vicenda risale allo scorso 23 agosto. I due, che si erano appena conosciuti, si erano allontanati da piazza Mazzini e avevano raggiunto la spiaggia dove si sarebbe consumata la violenza. La vittima aveva cominciato a gridare attirando l'attenzione di un guardia spiaggia. Il 25enne, irregolare in Italia, era riuscito a scappare e la squadra mobile lo aveva arrestato 48 ore dopo in un albergo di Mestre.

Durante l'interrogatorio Gueye si era difeso di fronte al Gip dichiarando che la ragazzina era consenziente e che gli aveva detto di essere maggiorenne. L'indagato aveva motivato la sua fuga sostenendo di avere uno spinello e di temere che le forze dell'ordine potessero trovarlo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 15 Settembre 2018, 19:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Quindicenne triestina stuprata in spiaggia, niente domiciliari per Gueye
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-09-16 12:32:00
Niente, niente, il difensore appartiene a qualche associazione antirazzista, alle femmine democratiche: "volete o non volete integrarvi, è il momento di decidere, non vi pare?" Odaldelta. (Date un appoggio morale alla Boldrini).
2018-09-16 09:15:12
questa è la giustizia italiana, se vi pare. che schifo
2018-09-16 08:02:55
Ha trovato un giudice con un po di buonsenso.
2018-09-15 19:58:00
Ah povero MOHAMED, qui non ti capiscono proprio...