Studente morto durante lo stage. Giuliano un anno fa era scampato alla morte. L'incidente in auto e quel volo preso

Sabato 17 Settembre 2022 di Cristiano Pellizzaro
Giuliano De Seta

CEGGIA (VENEZIA) - Un anno fa Giuliano De Seta, il 18enne vittima del tragico incidente sul lavoro di ieri alla Bc Service di Noventa di Piave, era scampato alla morte per miracolo. La famiglia l'estate scorsa stava rientrando dalle vacanze in Calabria, terra d'origine di papà Enzo. L'uomo era finito n lungo la A13, precipitando dal terrapieno dopo un volo di una decina di metri. A bordo viaggiavano il papà, la mamma e il fratello di 10 anni. Gravi fin da subito le condizioni della famiglia, portata in elicottero all'ospedale Maggiore di Bologna in gravi condizioni. L'unico a non subire conseguenze, in quell'occasione, era stato proprio Giuliano, perché era rientrato in anticipo rispetto alla famiglia, in aereo.

L'intera comunità di Ceggia è sotto shock per la tragica notizia che nella serata di ieri ha cominciato a dilagare nel piccolo paese del Veneto orientale. «Una famiglia per bene che ha sempre partecipato alla vita del paese racconta il sindaco Mirko Marin. Il nonno Antonio Biasi, mancato nell'ottobre del 2019, era stato a lungo presidente della sezione locale dell'Anarti, l'Associazione nazionale artiglieri. Dal 1987 al 1991 aveva guidato anche la celebre Associazione del Carnevale. Giuliano lo si vedeva spesso girare in paese con la sua vespa bianca. Veramente un bravo ragazzo, riservato e a modo». Ieri sera la notizia ha raggiunto in fretta anche la società di atletica che tra il 2016 e il 2017 Giuliano aveva frequentato, la Runners Club Agggredire. Anche sui social, mezzo dove ormai le notizie viaggiano alla velocità della luce, conoscenti, vicini di casa, amici hanno lasciato il loro pensiero e il loro cordoglio per il ragazzo e la famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci