Spariti il parroco e 300mila euro
«Persi al gioco dalla perpetua»

Don Flavio Gobbo

di Maurizio Dianese

SPINEA - C’è un ammanco di 2-300mila euro nel conto della parrocchia di Ss. Vito e Modesto di Spinea, rimasta orfana del parroco don Flavio Gobbo che sabato è partito, ufficialmente per un periodo di riposo. Il conto risulta svuotato, nonostante il parroco precedente avesse lasciato un gruzzolo consistente grazie alle offerte dei fedeli, Numerose le operazioni registrate nell’ultimo anno e mezzo.
Almeno un parte dei soldi sarebbe finita alla governante del parroco, la "perpetua" conosciuta per il vizio del gioco alle slot machines. Don Flavio Gobbo in passato l’avrebbe aiutata per acquistare l’auto con la quale è stata spesso vista circolare nella cittadina alle porte di Mestre.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Ottobre 2016, 08:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Spariti il parroco e 300mila euro
«Persi al gioco dalla perpetua»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 60 commenti presenti
2016-10-19 19:06:15
Leggendo i commenti sull' altro articolo inerente la stessa vicenda eravate tutti a favore del prete perché pensavate fosse una fuga d' amore -Come sospettavo , invece quello è fuggito con la cassa .Purtroppo non è il primo.
2016-10-19 17:05:38
X Binariciuto - in poche parole, ho incontrato persone che prima non interessava niente e poi cambiano idea. Per la strada incontrano me e mi fanno capire di aver trovato la gioia e un senso della vita aggiungendoci anche un pizzico di solida sicurezza nei loro discorsi facendomi sentire anche un po', come dire, sprovveduto nel non aver trovato o provato tale gioia. Io all'inizio, sotto tale pressione, mi sono anche incazzato, per modo di dire, dicendogli: Senti cocco, sono contento per te, libero di credere in quello che vuoi, io sto bene così e non ho bisogno che qualcuno mi venga a ripetere: Non sai cosa perdi. Potrei perdere (in parte) il portafogli, dico io, mica per essere troppo materialista, ma è anche la verità. Lo so, vecchio gufo, che non tutti sono da buttare, come in tutte le categorie. Il mio compito con me è quello di farti abbassare le orecchie che non ti monti la testa e se hai trovato nella seconda compagna della tua unita una semplida e buona e valida catechista che ti ha illuminato, da parte mia non posso fare altro che pensare che i miei figli sarebbero certamente in buone mani. Rendo l'idea?
2016-10-19 13:44:56
Per Zip. Gesù fondò la sua Chiesa affidandola a uomini che avrebbero diffuso la sua parola, il suo insegnamento, al fine di portare nella retta via l'umanità. Vuole chiamare questo lavoro o no, io dico di no, comunque così vuole il figlio di Dio.
2016-10-19 12:18:07
Per Zip. Il prete è uomo come noi, può sbagliare sia quando crede di avere la vocazione e decide di diventare prete, sia quando in seguito ignora la promessa e l'impegno presi e cambia direzione. Se avessimo la stessa comprensione con gli errori degli altri che abbiamo con i nostri.....
2016-10-19 11:55:33
X Fiocchi e Binariciuto - Dio creò l'uomo perché si procurasse il cibo con il lavoro e disse che chi mangiava senza lavorare era un ladro.