Martedì 19 Marzo 2019, 21:59

Sissy, il mistero della sua pistola: nessuna traccia biologica sulla canna

Sissy, il mistero della sua pistola
​senza tracce biologiche
VENEZIA - Sulla parte finale della pistola d’ordinanza di Sissy non sono state trovate tracce biologiche. La stessa pistola che aveva sparato quel colpo diventato fatale due anni dopo. In anticipo rispetto alle date fissate, sono arrivate nei giorni scorsi sul tavolo del sostituto procuratore di Venezia, Elisabetta Spigarelli, le consulenze disposte dalla magistratura sulla pistola e sul computer di Maria Teresa Trovato Mazza, per tutti Sissy, l’agente di polizia penitenziaria in servizio al carcere femminile di Venezia, alla Giudecca, morta il 12 gennaio dopo due anni di coma dovuti ad un colpo di pistola esploso mentre si trovava in un ascensore dell’ospedale Civile di Venezia, domenica 1 novembre 2016.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sissy, il mistero della sua pistola: nessuna traccia biologica sulla canna
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-03-20 18:31:51
Volete farci credere che qualcuno (chi?)la stava aspettando e si e' intrufolato nell'ascensore ed era riuscito a sfilarle la pistola d'ordinanza, a spararle (perche') e poi a svignarsela aprendo la porta dell'ascensore e magari imbattersi in qualcuno che voleva entrare?
2019-03-20 11:05:30
Dopo due anni fanno le ricerche di tracce biologiche sulla pistola, prima no?!? Minimo avrebbero dovuto trovare quella della povera ragazza dal momento che le apparteneva. Qui gatta ci cova.
2019-03-20 14:55:55
Ma no, vedrai che prima di entrare in coma ha pulito la pistola... Vediamo cosa risponderà ora la sua direttrice del carcere.
2019-03-20 06:30:29
Sono dettagli che solo i medici legali ed i periti possono immaginare.Meglio rimangano riservati altrimenti i delinquenti si fanno sempre piu'accorti nell'occultare prove anche minime.