Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Onda lunga della pandemia, chiude l'acquario Sea Life

Domenica 26 Giugno 2022 di Giuseppe Babbo
Onda lunga della pandemia, chiude l'acquario Sea Life
2

JESOLO - Chiude l'acquario Sea Life di Jesolo. Si tratta della struttura aperta nel 2011 in piazza Venezia, a ridosso della rotonda Picchi. Al suo interno c'erano vasche con pesci tropicali e squali, ma anche un suggestivo tunnel panoramico. A pesare in questa decisione ci sono le chiusure imposte dalla pandemia, come ha spietato la Società Merlin Attraction Italy srl in una nota. «Dopo le prolungate chiusure al pubblico rese necessarie nel 2020 e 2021 dalle norme anti Covid si legge - la Società Merlin Attraction Italy srl ha confermato che il Sea Life Aquarium di Lido di Jesolo non verrà riaperto al pubblico e che le creature marine presenti nell'acquario sono state spostate nei Sea Life presenti in Europa, rispettando tutte le normative vigenti e nel pieno benessere degli animali, con l'aiuto del personale tuttora in forza».

Per la città che sta vivendo una ripartenza al di sopra delle aspettative si tratta di una notizia. Tra i più dispiaciuti c'è Luciano Pareschi, patron di Caribe Bay e presidente dell'Associazione parchi permanenti italiani. «Non sappiamo commenta - se la chiusura è momentanea o definitiva, ma in generale il comparto dei parchi permanenti è stato uno dei più colpiti dalla pandemia, con lunghi periodi di fermo, protocolli di sicurezza molto stringenti e scarsi ristori: nonostante il buon andamento degli ultimi mesi, le aziende del settore sono ancora in difficoltà e oggi si trovano ad affrontare un nuovo ostacolo, rappresentato dall'incremento dei costi energetici. Le nostre sono imprese energivore e questi aumenti esponenziali hanno un effetto dirompente sui bilanci. Non sorprende quindi che alcune realtà ripensino i propri piani. Lo fanno le multinazionali, come nel caso di Jesolo, e, a maggior ragione, potrebbero farlo i piccoli e medi imprenditori italiani che continuano a lottare senza il supporto delle istituzioni. Manca anche la collaborazione tra tutte le realtà del territorio affinché si possa fare rete con le istituzioni e creare un sistema virtuoso a vantaggio di tutti». In Italia i parchi tematici rappresentano un comparto composto da circa 230 imprese con circa 25.000 addetti (10.000 dipendenti fissi e 15.000 stagionali) che nel 2019 fatturava 450 milioni di euro a livello di sola biglietteria. Nel 2020 la perdita generalizzata del comparto è stata tra il 75 e l'80% rispetto al 2019 con il 20% dei parchi che ha rinunciato completamente alla stagione e diverse realtà imprenditoriali italiane passate di mano a fondi di investimento stranieri. Il 2021, tra l'apertura ritardata e le perdite dovute all'introduzione del green pass, si è chiuso in calo del 50% sul 2019. 

Reazioni

 Luciano Pareschi, presidente dell'Associazione Parchi Permanenti Italiani, aderente a Confindustria: "Non sappiamo se la chiusura è momentanea o definitiva, ma in generale il comparto dei parchi permanenti è stato uno dei più colpiti dalla pandemia, con lunghi periodi di fermo, protocolli di sicurezza molto stringenti e scarsi ristori: nonostante il buon andamento degli ultimi mesi, le aziende del settore sono ancora in difficoltà e oggi si trovano ad affrontare un nuovo ostacolo, rappresentato dall'incremento dei costi energetici. Le nostre sono imprese energivore e questi aumenti esponenziali hanno un effetto dirompente sui bilanci. Non sorprende quindi che alcune realtà ripensino i propri piani. Lo fanno le multinazionali, come nel caso di Jesolo, e, a maggior ragione, potrebbero farlo i piccoli e medi imprenditori italiani che continuano a lottare senza il supporto delle istituzioni. Purtroppo, in un Paese che dovrebbe vivere di turismo, si continua ad ignorare il valore attrattivo dei parchi divertimento che, oltre ad essere aziende che generano valore, indotto e posti di lavoro, creano flussi turistici, richiamando tanti visitatori provenienti dall'Italia e dall'estero. Un altro elemento che manca è la collaborazione tra tutte le realtà del territorio affinché si possa fare rete con le istituzioni e creare un sistema virtuoso a vantaggio di tutti".

L’Associazione Parchi Permanenti Italiani, aderente a Confindustria, rappresenta un comparto composto da circa 230 imprese in Italia tra parchi tematici, acquatici, faunistici e avventura. Il settore occupa circa 25.000 addetti - 10.000 dipendenti fissi e 15.000 stagionali - e nel 2019 fatturava 450 milioni di euro a livello di sola biglietteria. L’indotto è molto importante: il valore complessivo è di 1 miliardo considerando le realtà commerciali interne ai parchi (negozi, ristoranti, merchandising, ecc..) e due miliardi con quelle esterne, come hotel, manutenzioni varie, servizi in outsourcing e attività nelle vicinanze, per un totale di 60.000 addetti. Nel 2020 la perdita generalizzata del comparto è stata intorno al 75/80% rispetto al 2019 con il 20% dei parchi che ha rinunciato completamente alla stagione e diverse realtà imprenditoriali italiane passate di mano a fondi di investimento stranieri.

Il 2021, tra l’apertura ritardata e le perdite dovute all'introduzione del green pass, si è chiuso in calo del 50% sul 2019.

Ultimo aggiornamento: 18:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci