Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Schiavi nei campi: 12 ore al giorno e vita in roulotte senza luce e acqua

Martedì 12 Luglio 2022 di Roberta Brunetti
Braccianti e caporalato
3

CHIOGGIA - Arrivati dal Bangladesh piene di aspettative, si erano ritrovati a fare una vita da schiavi. 12 ore al giorno di lavoro sui campi, sette giorni su sette. Per dormire, un paio di vecchie roulotte sistemate sull'appezzamento che coltivavano. Come servizi igienici, il fosso che scorreva a fianco. E se chiedevano i soldi (pochi) che gli erano stati promessi dal titolare dell'azienda agricola, la minaccia era quella di non avere le carte necessarie ad ottenere il permesso di soggiorno. Uno spaccato impressionante, sulle condizioni di lavoro e di vita in un campo attorno a Chioggia, quello che esce da un processo per sfruttamento del lavoro e violazione della legge sull'immigrazione. I protagonisti sono tutti bengalesi. Il titolare dell'azienda agricola finito sul banco degli imputati, Ziblul Hakim, 46 anni, formalmente residente a Gallarate. Così come le sue vittime: cinque identificate, ma altre sono rimaste senza un nome.

IL PATTEGGIAMENTO
Ieri l'udienza davanti al gup di Venezia, Laura Alcaro. Hakim ha scelto di non affrontare un processo, preferendo chiudere i suoi conti con la giustizia con un patteggiamento. Il suo difensore, l'avvocato Giorgio Pietramala, e il pubblico ministero, Daniela Moroni, si sono accordati per una pena di 2 anni, con la sospensione condizionale, poi applicata dal giudice. La parola fine sul versante penale di un caso emblematico, spia di un fenomeno preoccupante.

LA PRIMA DENUNCIA
Stavolta a consentire di avviare le indagini, è stata la denuncia di una delle vittime, finita al pronto soccorso di Chioggia nel 2018. L'uomo aveva raccontato di aver lavorato per lunghi mesi per Hakim, che gli aveva promesso un contratto, indispensabile per il permesso di soggiorno, e una paga di 600 euro mensili. Invece non erano arrivati né l'uno, né l'altra. Solo poco più di un centinaio di euro, dopo mesi di lavoro. A quel punto, disperato, l'uomo era andato dal datore di lavoro per pretendere soldi e contratto, ma era stato picchiato. E proprio al pronto soccorso aveva deciso di sporgere denuncia ai carabinieri. Dopo quella prima segnalazione, i militari dell'Arma erano andati ad appostarsi nel campo indicato dal bengalese, in località Sant'Anna. E qui avevano visto le due roulotte-dormitori, con i lavoranti che si alzavano presto e usavano il fossato come servizi igienici. Un sistema che - secondo la ricostruzione del capo d'imputazione - sarebbe andato avanti dal 2016 al 2018. Hakim, quale titolare di una «ditta operante nel settore della coltivazione e raccolta di prodotti agricoli», reclutava suoi connazionali «approfittando dello stato di bisogno e della situazione di vulnerabilità», legata alla necessità di ottenere un permesso di soggiorno, «con l'inganno di instaurare con loro un regolare rapporto di lavoro», si legge sempre nel capo d'imputazione, che cita le 10-12 ore di lavoro al giorno, senza permessi settimanali, le «paghe esigue e saltuarie», le roulotte messe a disposizione, senza luce né acqua, dove i malcapitati vivevano in «condizioni umanamente degradanti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci