Sabato 12 Ottobre 2019, 10:13

Referendum Venezia-Mestre, anche Beppe Grillo si scopre separatista

​Referendum Venezia-Mestre, anche Beppe Grillo si scopre separatista

di Davide Tamiello

VENEZIA - Che sia in grado di spostare gli equilibri anche alle urne, si è già visto. La voce di Beppe Grillo, a volte, sa essere un richiamo irresistibile per il popolo. Non a caso, infatti, il suo endorsement alla separazione tra Venezia e Mestre ha caricato a mille gli autonomisti. Il comico genovese, vate e fondatore del Movimento 5 Stelle, ieri è uscito allo scoperto prendendo una posizione inequivocabile sulla questione: «Condivido e sostengo pienamente l'appello del comitato per l'autonomia di Venezia, per il referendum che si terrà domenica 1 dicembre 2019». Due righe, a corredo del lungo comunicato del comitato, rilanciato appunto sul blog di Grillo. Sullo sfondo, la famosa grande nave di Banksy, scomposta in più cornici a mo' di collage, come a dare l'idea dell'immensità del colosso del mare a confronto con la fragilità di piazza San Marco. E l'appello citato appunto parla dei macro temi che affliggono Venezia: grandi navi, turismo, spopolamento. «Il Comitato per l'autonomia di Venezia intende dunque
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Referendum Venezia-Mestre, anche Beppe Grillo si scopre separatista
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 40 commenti presenti
2019-10-14 16:22:42
Separare Venezia da Mestre e tassare a morte le seconde case. Solo cosi Venezia risorgera'.
2019-10-14 10:48:54
Ma questo casa sa di Venezia e Mestre? Pensasse a suo figlio accusato di stupro... E vedo che qui sotto ci sono i soliti 4 gatti che manco ci vivono a Venezia e chissà che veneziani sono...e scrivono scrivono scrivono Andrà nullo come al solito. Fatevene una ragione!
2019-10-13 19:03:35
Che non ci sia stata un politica lungimirante a tutela di una realtà unica al mondo come Venezia è un fatto, ma i veneziani che hanno lucrato su Venezia non l'hanno mai difesa, vedi soprattutto gli albergatori e i ristoratori che hanno provveduto a rimpinguarsi le tasche senza dare niente in cambio. Uno mi ha detto, "...tanto a Venezia i turisti ci vengono comunque" e cosa dire dei vari B§B spuntati come funghi prima a Venezia centro storico e successivamente anche a Mestre? E' vero che le varie giunte avvicendatesi negli anni non hanno fatto nulla per pianificare azioni di tutela e di vivibilità per i residenti.
2019-10-13 20:21:40
Come dicevo prima, Venezia doveva, deve, essere protetta da ogni ingerenza delle multinazionali e di lobby affariste, sia locali che straniere. E' un capolavoro frutto dell'ingegno e della fatica di millenni e non può essere amministrata da incompetenti a scopo di lucro. I veneziani si sono dovuti difendere dall'assalto dei predatori. Per tenere aperte le loro botteghe, dopo che i gestori avevano dovuto chiudere a seguito della concorrenza sleale da parte dei supermercati e dell'esoso prelievo fiscale, si sono visti costretti ad affittale ai bangla e ai cinesi, e per finanziare i dispendiosi lavori di manutenzione dei loro appartamenti rimasti vuoti a seguito dell'esodo dei bottegai che vi abitavano, hanno dovuto improvvisarsi albergatori in miniatura affittandoli a turisti. Il massimo dell'adattamento è stato rappresentata da coloro che si sono ridotti ad affittare da una a tre camere di casa loro, con la formula B&B. A volte persino condividendo l'unico bagno! Una formula che per i rischi che comporta dovrebbe essere vietata per legge. Ritenendolo chissà che affarone, i mestrini non hanno visto di meglio che copiare i veneziani, dichiarandosi a loro volta veneziani e locando appartamenti vicini al tram o all'autobus per il fantomatico "centro storico". Poi c'è stata la proliferazione degli alberghi-alveari stranieri di via Ca' Marcello che secondo Brugnaro avrebbero rianimato Mestre ma hanno invece sortito l'unico effetto di intasare Venezia, aggravando l'esodo dei residenti giunti all'esasperazione e tendo lontani i turisti colti e facoltosi. Quello tra Venezia e Mestre è un matrimonio mortifero per entrambe.
2019-10-13 19:03:20
Che non ci sia stata un politica lungimirante a tutela di una realtà unica al mondo come Venezia è un fatto, ma i veneziani che hanno lucrato su Venezia non l'hanno mai difesa, vedi soprattutto gli albergatori e i ristoratori che hanno provveduto a rimpinguarsi le tasche senza dare niente in cambio. Uno mi ha detto, "...tanto a Venezia i turisti ci vengono comunque" e cosa dire dei vari B§B spuntati come funghi prima a Venezia centro storico e successivamente anche a Mestre? E' vero che le varie giunte avvicendatesi negli anni non hanno fatto nulla per pianificare azioni di tutela e di vivibilità per i residenti.