Divisione di Venezia e Mestre, tutti i numeri del referendum: si vota domenica

PER APPROFONDIRE: mestre, referendum, separazione, venezia
Divisione di Venezia e Mestre, tutti i numeri del referendum: si vota domenica
«Sei a favore della suddivisione del Comune di Venezia in cui Comuni distinti di Venezia e Mestre? Sì o No».

È questa la domanda che i veneziani, del centro storico e di terraferma si troveranno sulla scheda del referendum in programma domenica prossima, 1. dicembre. Negli ultimi 40 anni i veneziani alle urne per la stessa domanda ci sono già andati ben 4  volte: nel 1979, nel 1989, nel 1994 e anche nel 2003 e tutte le volte hanno vinto i no, mentre nell'ultima tornata , quella del 2003, non si è neppure raggiunto il quorum necessario. E di volta in volta la percentuale di votanti è stata in calo costante.

Quest'anno sono 206.553 (97.793 uomini e 108.760 donne) gli aventi diritto al voto per il Referendum. Perchè sia valido servono dunque 103.300 elettori che vadano alle urne. Il Comitato per il Sì alla separazione, però contesta la necessità del quorum e per questo è ricorso al Tar chiedendo di dichiarare illegittima la delibera regionale che ha indetto il referendum e che stabilisce la necessità del quorum, spiegando che c'è differenza tra referendum abrogativo (per il quale serve il 50% più uno di elettori), e quello consultivo, come questo. Secondo i dati statistici presentati oggi dall'ufficio elettorale del Comune di Venezia, gli ultra-centenari sono 92 (14 uomini e 78 donne) contro gli 83 dell'ultima consultazione (le Elezioni Europee del 26 maggio 2019).

Il maggior numero di vegliardi si registra nella Municipalità di Mestre Carpenedo, con 41, seguita da Venezia Murano Burano (27), da Lido Pellestrina (11), Favaro (6), Marghera (4) e Chirignago Zelarino (3). Sono invece 1074 (579 uomini e 495 donne) i giovani che andranno per la prima volta al voto: 337 a Mestre Carpenedo, 260 a Venezia Murano Burano, 180 a Chirignago Zelarino, 108 a Favaro, 102 a Marghera e 87 a Lido Pellestrina. Saranno ben 4 gli elettori (tutti maschi) che festeggeranno i loro 18 anni proprio nel giorno delle votazioni: 2 a Mestre Carpenedo, 1 a Marghera e 1 a Chirignago Zelarino.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 28 Novembre 2019, 18:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Divisione di Venezia e Mestre, tutti i numeri del referendum: si vota domenica
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-11-30 19:36:50
Chi scrive su certe comodità, ha ragione, ma cosa dicono le medesime sui costi che purtroppo noi "terrestri" ci dobbiamo caricare con le tasse per gli alberghi che sfruttano i lavoratori e non versano la tassa di soggiorno!!!! è stato appurato dalla Guardia di Finanza, Risposta.............
2019-11-30 11:17:51
Molti veneziani che ormai da decenni lavorano e vivono in terraferma, con la comodità del supermercato vicino casa e la macchina in garage, non tornerebbero piu a Venezia. Però, non vogliono la separazione dalla loro città che gli ha estromessi ed è diventata un museo. Taglite sto cordone ombelicale. Ormai non siete più veneziani.
2019-11-30 10:54:42
Solo se amministrata in modo autonomo Venezia potrà sperare di risollevarsi dalla situazione di tremendo degrado in cui è piombata. E' una città unica, diversa da ogni altra, che vive come un anfibio in una dimensione particolarissima di stretta dipendenza dall'acqua, ed è impensabile che possa esser assimilata a una città di terraferma. Ridurre Venezia, antichissima città di mare, a centro storico di una moderna città metropolitana di terraferma è un assurdo, e ne stiamo pagando le conseguenze.
2019-11-30 09:17:59
Ahahah che truffa. Referendum truffa che NON porterà a niente di niente.
2019-11-29 12:01:53
Votate per la separazione, così avrete due amministrazioni da mantenere. Sta manica di sfaticati incompetenti che vivono sulle vostre spalle....hahahahahahahaha....segna enrico.