Ragazza offesa da baby gang sul Regionale, il capotreno: «Era in lacrime, molto scossa»

Lunedì 20 Gennaio 2020
5

 VENEZIA - Una ragazza «molto scossa e in lacrime», rimasta «molto turbata» da quel che le era successo. Così il capotreno racconta la vicenda di Valentina, la 19enne di origine cinese vittima di offese e sputi in treno nel tragitto tra Mestre e Padova.

IL RAPPORTO 
Nel suo rapporto al termine del viaggio, il capotreno ha sottolineato molti particolari della vicenda, di cui non è stato testimone diretto e che coincidono con quanto rivelato dalla giovane sui social. Alla domanda della ragazza, il dipendente di Trenitalia ha precisato che il convoglio non era attrezzato con impianti di videosorveglianza; la ragazza allora ha iniziato a raccontare di essere stata presa di mira da due ragazzi, presumibilmente minorenni, con frasi irriguardose, razziste e sputi.

La vicenda, secondo quanto ha riferito la giovane, sarebbe trascesa prima della fermata di Padova, dopo il controllo dei biglietti. Alla richiesta di Valentina (che abita a Badia Polesine), il capotreno ha risposto consigliandole di denunciare l'accaduto alla Polizia ferroviaria di Rovigo, che contattando i colleghi di Padova avrebbe potuto far visionare le telecamere del marciapiede del binario su cui il treno si è fermato. Invito ripetuto anche all'arrivo della giovane a Rovigo, ancora scossa per l'accaduto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci