Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Senza biglietto sul bus, 17enne tira un pugno in faccia all'autista nel tentativo di scappare

Lunedì 15 Agosto 2022 di Giuseppe Babbo
Un autobus dell'Atvo
15

JESOLO - «A Milano non pago il biglietto e non mostro il documento a nessuno». Provocatorio e irriverente. Le parole sono quelle di un 17enne milanese, in vacanza a Jesolo con altri tre amici, sabato notte bloccato a bordo di un autobus della linea urbana senza biglietto. Per questo il giovane, nel tentativo di uscire dal bus, si è scagliato contro un dipendente di Atvo, colpendolo con un pugno in pieno volto. L’episodio si è verificato sabato sera, attorno alle mezzanotte, nella zona dell’autostazione di via Equilio a bordo del bus proveniente da Cortellazzo. Secondo quando riferito dall’Azienda di trasporti, come da prassi una volta giunto al terminal nel bus è salito il controllore per accettare che tutti i passeggeri avessero il regolare titolo di viaggio per proseguire la corsa. Un controllo di routine, che ha coinvolto anche i quattro ragazzi, tutti però sprovvisti di biglietto. Ma se tre hanno esibito i loro documenti d’identità, il quarto non he ha voluto sapere. Anzi, ha tentato di scappare cercando l’uscita di emergenza «come faccio a Milano», ha urlato. Per questo prima ha spinto il controllore nel tentativo di allontanarlo. Successivamente ha poi colpito con un pugno in faccia l’autista intervenuto in aiuto del collega. A bloccarlo sono stati altri dipendenti, mentre l’immediato intervento dei Carabinieri è servito a calmarlo. Durissima in ogni caso la reazione di Atvo. L’autista è stato infatti trasferito al pronto soccorso, dove i medici gli hanno riscontrato una prognosi di 8 giorni. «Agiremo nei confronti di chi ha colpito il nostro dipendente – è stato spiegato ieri dall’Azienda – sia per le lesioni personali che per l’interruzione di pubblico servizio».
 

PREOCCUPATI

Gli autisti sono preoccupati. «Da tempo l’autostazione è l’avamposto di situazioni al limite – riferiscono –. Siamo preoccupati sì, gli atteggiamenti sopra le righe di certi utenti sono sempre più frequenti. Servono più controlli, anche all’interno dei mezzi». I controlli sabato notte in città non sono mancati soprattutto nell’area di piazza Mazzini, considerata una delle zone più “calde” della città e presidiata ancora una volta per tutta la notte dalle forze dell’ordine. Ed è stato durante queste attività che gli agenti della Polizia locale hanno identificato sei giovani che violavano l’ordinanza anti-alcol, ciascuno sanzionato con una multa di 200 euro. Fermato anche un gruppo di stranieri residenti in zona trovati in possesso di 20 grammi di hashish e marijuana mentre nella zona est un locale è stato denunciato, per la seconda volta in poche settimane, per disturbo della quiete pubblica. Attorno all’una, tra piazza Mazzini e via Nievo si è inoltre registrato un parapiglia tra giovani. Tutto sarebbe successo per futili motivi, forse una bottiglia rotta nella terrazza di un locale. Per questo delle persone sono state allontanate mentre un giovane è stato fermato dall’equipaggio di una Volante della polizia presente in piazza ed entrato in azione in tempi rapidissimi, impedendo che la situazione degenerasse.

Ultimo aggiornamento: 17:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci