Giovedì 12 Luglio 2018, 20:54

Un Daspo per il decoro della città: sarà in vigore entro fine mese

VENEZIA Nuovo regolamento di Polizia Urbana a tutela del decoro

di Elisio Trevisan

VENEZIA - VENEZIA Settantaquattro pagine, 84 articoli divisi in 5 titoli e 13 capi per dare più potere all'Amministrazione comunale e ai Vigili urbani nel garantire il decoro della città e difendere la sicurezza dei cittadini.

LEGGI ANCHE Malviventi e cafoni espulsi da Venezia: i 20 comportamenti non tollerati

Ieri il nuovo Regolamento di polizia e sicurezza urbana, che sostituirà quello del 2 marzo 1987, ha compiuto il primo passo ufficiale quando il sindaco Luigi Brugnaro l'ha presentato alla Giunta e questa l'ha approvato. Ora dovrà essere discusso in Commissione Sicurezza e venire definitivamente approvato entro la fine di questo mese.


CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Un Daspo per il decoro della città: sarà in vigore entro fine mese
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-07-13 15:11:15
Rimetto il mio commento tratto da un precedente articolo: Ma il DASPO sarà a vita? Perché pensate a un turista che probabilmente verrà una volta nella vita cosa gliene frega di essere cacciato e non poterci tornare. Intanto i suoi comodi li ha fatti... Misura inutile, difficile da controllare e reprimere. I turisti l'unica cosa che capiscono bene è il denaro! Multe severe tipo €200 per esserti seduto a mangiare un panino, €400 se orini in calle, €500 se sporchi e luci immondizia, €1000 se fai il bagno/tuffi ecc... riscossione immediata in contanti o con pos/carta credito, ma poi i soldi investiamoli per mettere panchine nei campielli e bagni chimici perchè se no tutto è inutile... Aggiungo anche che entrare in un esercizio commerciale e NON trovare il bagno o che questo è degli anni 50 (e non certo per la presenza della turca..) nel 2018 dovrebbe far riflettere il Comune di Venezia che continua a consentire nuove aperture invece di dare un giro di vite a quelle esistenti. Si cominci a rispettare i turisti prima di chiedere rispetto, chiudendo gli esercizi non in regola con le norme igienico-sanitarie.