Martedì 23 Aprile 2019, 00:00

Pestato a sangue per la precedenza all'autolavaggio: costola e naso rotti

Pestato a sangue per la precedenza all'autolavaggio: costola e naso rotti
SAN DONÀ - Calci e pugni per un posto all'autolavaggio. Un vero e proprio incubo, quello in cui è improvvisamente piombato un imprenditore sandonatese di 57 anni. Un dramma personale, che nella pratica significano 20 giorni di prognosi per il naso rotto (oltre a una costola fratturata), in una situazione che ha dell'assurdo. «Una violenza feroce assurda, senza senso, senza un perché. E tutto per una banale precedenza all'ingresso dell'autolavaggio», commenta sconsolato l'uomo, che ha chiesto di mantenere l'anonimato temendo ulteriori ripercussioni. Il fatto è avvenuto sabato pomeriggio, all'autolavaggio del distributore di Calvecchia, a ridosso dell'area commerciale Centro Piave.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pestato a sangue per la precedenza all'autolavaggio: costola e naso rotti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-04-24 16:00:45
Che scarsi...litigare per il lavaggio di una scatola in latta con delle ruote.... miseriosi inside. Ma va bene così: sono campagnoli.
2019-04-23 13:39:57
Ha chiesto l'anonimato? Qui gatta ci cova.
2019-04-23 13:23:08
lui la racconta di parte, ovviamente, ma nonostante ciò ho il dubbio che non abbia proprio tutte le ragioni. i lavaggi sono pieni di telecamere credo che non ci siano problemi per sapere come è andata effettivamente. già il continuare a chiamarlo imprenditore per diverse volte nell'articolo mi fa venire il prurito.
2019-04-23 19:35:19
concordo...l'imprenditore ha fatto il burbo e non la rocconta tutta bene (ci sono le telecamere e se reclama giustizia può farlo)...invece si è preso la mancia all'autolavaggio...indice che la ragione non è dalla sua parte. Uno non alza le mani se non istigato.
2019-04-23 12:01:58
Va tutto bene, mi raccomando, avanti con la battaglia per concedere lo ius soli.