Sabato 16 Novembre 2019, 15:16

Salva moglie e figlio disabile prigionieri nello scantinato con l'acqua alta

Pellestrina. Salva moglie e figlio disabile prigionieri nello scantinato con l'acqua alta

di Tomaso Borzomì

VENEZIA - Due giorni e una notte senza dormire, arrivando a casa senza sapere se sia stato accompagnato o se ci sia arrivato da solo. Il racconto di Silvano Baseggio, responsabile della Protezione civile di Pellestrina è da brividi. Ha affrontato la marea più grande di sempre dal 1966, cercando di aiutare chi era in difficoltà e lasciando a casa da sola la sua famiglia per dedicarsi agli altri. Gli angeli di Pellestrina erano una settantina, da martedì a ieri non si sono risparmiati, guardando negli occhi chi aveva paura, gli anziani e la coppia di novelli sposi che aveva appena messo su casa, trovandosi improvvisamente senza niente. Per non parlare della famiglia con alcuni disabili: «C'è una famiglia che ha uno scantinato, la sera di martedì uno dei nostri ha fatto appena in tempo a tornare, portare suo figlio su, che è scoppiata la vetrata inondandola con due metri e mezzo di acqua. Fosse arrivato tre minuti più tardi avrebbe perso moglie e figlio». 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Salva moglie e figlio disabile prigionieri nello scantinato con l'acqua alta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-11-17 09:17:51
Ma che angeli, cittadini con una coscenza, cittadini che sanno cos'è il mutuo soccorso. Che non lo fanno quando hanno tempo libero, ma che trovano il tempo quando gli altri hanno bisogno. Tutto questo e altro sono i cittadini della Protezione Civile. Purtroppo a volte dimenticati, lasciati in disparte, quasi di peso perchè per fortuna non c'è nessuna emergenza e allora tutti se ne dimenticano, anche il comune la ex provincia. Poi dopo le prime 24/36 ore di lavoro gratuito faticante a cui si rispondeo sempre massicciamente, diventano angeli. No normali cittadini che non si piangono addosso, che non stanno a guardare la televisione, che non si fanno intervistare per vantarsi. Fossero in tanti i cittadini così Con rispetto, abnegazione e voglia di fare L'Italia sarebbe molto meglio di quello che è ora.
2019-11-16 22:05:52
ma chi è quello scemo che ha lo scantinato a venezia?
2019-11-16 18:07:49
Gli angeli...ancora con questa definizione da fiabette per bambini....
2019-11-17 10:08:59
se ci sono gli angeli giocoforza ci sono anche i diavoli. chi sono costoro? di sicuro i nostri politici che hanno permesso questo disfacimento. dopo il 1966 anche una capra avrebbe capito che uno scantinato a pellestrina, jesolo, eraclea, grado e tutte le cittadine rivierasche fino ad almeno 5 km dal mare andavano chiusi. e si obbligava tutti a fare case sopraelevate. dove abito io è zona di esondazione del fiume muson e c'è obbligo di stare 50 cm sopra il livello di campagna e siamo in mezzo ai campi ed il muson è a tre km. possibile che lì invece fanno quello che vogliono e dal 1966 nessuno abbia messo le mani in quelle case?