Partecipate comunali, raffica di nomine: tutti i prescelti tra 380 candidati

Venerdì 17 Settembre 2021 di Raffaella Vittadello
Partecipate comunali, raffica di nomine: tutti i prescelti tra 380 candidati
2

VENEZIA  - Erano circa 380 i candidati da cui attingere per il rinnovo dei consigli di amministrazione delle aziende partecipate del Comune, scelti in base al bando che si è concluso il 16 luglio scorso. I tempi stringevano, perchè le nomine devono essere fatte entro 45 giorni dalla pubblicazione dei bilanci. E ieri si è arrivati alla tornata conclusiva, con la scelta dei più prestigiosi collegi delle aziende veneziane e con la scelta dei presidenti. Volti nuovi si affiancano a riconferme.
Come è avvenuto in Avm, dove sono stati rinnovati l'avvocato veneziano Paolo Pettinelli, come presidente, che siederà insieme a Giovanna Zabotti, curatrice del Padiglione Venezia della Biennale e cofondatrice del Fondaco, già candidata nella lista Brugnaro, riconfermata. Insieme a loro le nuove entrate Pier Paolo Penzo, Simone Scaramuzza, giovane di area Forza Italia, Helenia Barban dipendente della Regione e dirigente regionale del gruppo Fratelli d'Italia. Confermato in Actv anche il presidente Luca Scalabrin, consulente del lavoro, mentre entrano con lui Jacopo Luxardi e Luisa Cioffi. A completare il consiglio ci saranno Anna Franzin su nomina della Città Metropolitana di Venezia e Alessandra Idile su nomina del Comune di Chioggia. Invariata la guida di Vela, dove continuerà a lavorare come amministratore unico Piero Rosa Salva. Inalterata anche la governance di Venis, dove rimane amministratore unico Paolo Bettio.


VOLTI NUOVI E NON

Nuovo ingresso in Insula spa, alle prese con un nuovo assetto societario: presidente sarà l'avvocato Paolo Dalla Vecchia, già assessore provinciale all'ambiente nominato recentemente coordinatore regionale del settore ambiente per Fratelli d'italia. Insieme a lui Riccardo Ventura e Anna Brondino, già consigliere comunale e dal 2016 presidente dell'Istituzione Centri di Soggiorno del Comune di Venezia. Dal 2020 siede anche in consiglio di amministrazione della Fondazione Generale Marcianum ed è membro del Consiglio Affari Economici della collaborazione pastorale che comprende le parrocchie di San Salvador, San Zulian San Zaccaria, Santa Maria del Giglio, San Moisè. Confermato anche Andrea Martin alla CMV Spa di Venezia, mentre sempre in ambito Casinò di Venezia Gioco Spa è stato nominato alla presidenza Gianluca Forcolin, ex assessore regionale al bilancio, commercialista di Musile di Piave e parlamentare alla Camera che l'anno scorso non era stato ricandidato per essere salito alla ribalta delle cronache per la vicenda del bonus Covid da 600 euro di cui il suo studio avrebbe fatto richiesta automaticamente senza informarlo. Ci sono poi Gloria Sernagiotto, figlia dell'europarlamentare Remo, ultimamente in area Fratelli d'Italia, recentemente scomparso. Infine Fabrizio Giri, già membro del comitato di gestione del porto per nomina del Comune di Venezia che l'anno scorso aveva chiesto degli approfondimenti sul bilancio bloccandone l'approvazione e portando l'autorità portuale al commissariamento. Il collegio dei revisori della Casa da gioco sarà presieduto dal commercialista mestrino Arcangelo Boldrin, uomo di area centrosinistra, che con 500 euro contribuì alla campagna elettorale di Pierpaolo Baretta nelle ultime elezioni comunali. In collegio con lui, la commercialista veneziana Caterina Cosulich. Confermata Agnese Lunardelli come amministratore unico all'Immobiliare Veneziana, come pure Gabriele Senno alla guida di Ames, la società che si occupa delle farmacie e dei servizi di ristorazione scolastica.
In Venezia Spiagge Spa, che da quest'anno è totalmente in mano pubblica, siederanno in consiglio di amministrazione Pierluigi Padovan come presidente, operatore nel settore del turismo, Luca Voltolina e Antonella Stefani, avvocato, già attiva nella municipalità del Lido e Pellestrina, e figlia dell'ex assessore Mario Stefani dell'epoca Bergamo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA