Martedì 30 Ottobre 2018, 10:34

Paralizzata per colpa del vaccino, il Ministero condannato a risarcirla

Paralizzata per colpa del vaccino, il Ministero condannato a risarcirla
MESTRE - Si ammalò di poliomielite per colpa del vaccino al quale fu sottoposta da bambina, nei lontani anni Sessanta: la Corte di Cassazione ha finalmente dato ragione ad una donna di quasi sessant'anni, di Mestre, stabilendo il suo diritto ad ottenere l'indennizzo previsto dalla normativa in vigore. L'importante sentenza è stata emessa dalla Sezione civile della Suprema corte, la quale ha rigettato il ricorso presentato dal Ministero della salute, che si è opposto in tutte le sedi giudiziarie possibili nel tentativo di non dover corrispondere l'assegno mensile previsto dall'articolo 1 della legge 210 del 1992.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Paralizzata per colpa del vaccino, il Ministero condannato a risarcirla
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2018-10-31 04:51:19
Anni '60...due vaccinazioni:prima Salk, poi dopo qualche anno Sabin.Poi i calzolai ortopedicismisero di confezionare scarpe dal la suolaldi sughero rialzat aper pareggiare.Oggisivede ancora qualche anziano allora coetaneo che non ce l'ha fatta.Putroppo ancora oggi esistono persone che ingeriscono funghi letali...non ostante laloro nocivita' sia statascoperta da tempo a sopese di vittime.Comunque un vaccinatore che non ha fretta , prima pone domande..almeno oggi.
2018-10-30 17:34:16
I vaccini di adesso non sono più quelli degli anni Sessanta. Ricordo genitori terrorizzati dalla polio, no dal vaccino.
2018-10-30 17:12:10
Ah..prendete atto del trafiletto prima dello sfumare dell'articolo: il Ministero della Salute si è OPPOSTO IN TUTTE LE SEDI GIUDIZIARIE.Questo è l'organo che vi impone di vaccinare i vostri figli a tutto spiano ma si oppone per 60 ANNI CONSECUTIVI di riconoscere se ha danneggiato il vostro A VITA!
2018-10-30 17:01:58
"Nel tempo della comunicazione immediata e delle connessioni crescenti, è inaccettabile che, accanto alle tante informazioni liberamente disponibili, si diffondano anche credenze antiscientifiche e illogiche congetture che inducono a comportamenti autolesionisti". SERGIO MATTARELLA
2018-10-30 20:07:09
Ma che bravo. Laureato su google anche lui?