Domenica 7 Aprile 2019, 21:20

Ovovia di Calatrava, storia di un'opera costosa e rinnegata da tutti

PER APPROFONDIRE: calatrava, disabili, ovovia, ponte, venezia
L’accessibilità del ponte, la spesa lievitata, i cambi di progetto
Corsini: «Parve l’idea migliore». Rumiz: «Costretti a proseguire»

di Davide Scalzotto

VENEZIA - Non sarà servita a traghettare persone da una parte all’altra del ponte della Costituzione, ma quanto a capacità di autotraghettarsi e resistere al susseguirsi di ere politiche e amministrative, lievitando nei costi come una colomba pasquale, l’ovovia del suddetto ponte non la batte nessuno. Ora, come per tutti gli ovetti che si rispettino, proprio sotto Pasqua arriva la notizia che sarà smantellata senza costi per il Comune. Lo ha detto la Corte dei conti. L’avessero saputo prima, le amministrazioni che hanno retto Venezia dal lontano 2005, certamente ci avrebbero pensato loro. Almeno, è quanto par di capire. Perché quell’ovovia, oggi, è orfana. Non ha padri. O meglio, non ha padri che la riconoscano come propria figlia. Ecco allora la storia di un’opera rinnegata.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ovovia di Calatrava, storia di un'opera costosa e rinnegata da tutti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-04-09 01:58:13
Nessuno in galera?
2019-04-08 14:40:18
A proposito di danni e del pd e di tutta la sinistra,ormai a difendere le Ong c’è rimasta praticamente solo la sinistra italiana. Anche il partito di Macron, infatti, ammette che di fatto aiutano i trafficanti di migranti. Una constatazione che nei giorni scorsi era già stata fatta dal socialista ministro dell’Interno, Christophe Castaner, che aveva usato toni durissimi, parlando di "vera collusione". Ora a dire che i «trafficanti approfittano» dell’intervento delle Ong è stata la capolista de La République en Marche ed ex ministro degli Affari europei, Nathalie Loiseau, che pur volendo salvare la buona fede delle Organizzazioni non governative, deve ammettere che il loro intervento si tramuta in un sostegno alla tratta criminale di uomini. "Sono sicura che le Ong siano sincere, ma i trafficanti ne approfittano», ha detto Loiseau, intervenendo su CNews. "Quando si va in soccorso di persone che annegano lo si fa con sincerità. Ciò che è vero è che i trafficanti non aspettano altro", ha sottolineato l’esponente del partito di Macron. Ancora più netta era stata la presa di posizione di Castaner. Alla conferenza finale dei ministri degli Interni del G7 che si è tenuta a Parigi, il socialista ha sostenuto che in alcuni casi le Ong hanno instaurato una «vera e propria collusione» con gli scafisti, ricordando che "alcune erano in contatto telefonico con i contrabbandieri". Forza che fra poco è il 25 aprile ci sganasceremo dalle risate con l'Anpi, sindacati e pugni chiusi.
2019-04-08 13:31:21
…la festività si avvicina e con essa anche l’ora di rompere la uova… che non è peccato!
2019-04-08 13:30:30
....ma per carita'...e' solo "l'uovo di Cacciari"......!
2019-04-08 12:39:59
Quell'assurda ovovia verrà finalmente tolta di mezzo, ma con lei andrebbero tolti di mezzo tutti coloro che l'hanno messa lì, dai progettisti ai costruttori. E tutti coloro che hanno la pretesa di migliorare ciò che è, nel suo genere, perfetto. Aggiornare Venezia adeguandola alle attuali normative, e non solo quelle relative alla mobilità dei disabili, sarebbe come, per fare un banale ma comprensibile esempio, dotare di airbag, di marmitta catalitica e di tutti i più recenti sensori elettronici un'antica e preziosa Bugatti da collezione. Venezia deve restare così com'è, conservata con amorevole e competente cura.