Il centro massaggi cinese dove lavorava un "fantasma". Chiuso e multa di 30mila euro

PER APPROFONDIRE: centro massaggi, cinesi, noale
Il centro massaggi cinese dove lavorava un "fantasma". Chiuso e multa di 30mila euro
NOALE - Centro massaggi chiuso e multato di 30mila euro: all'interno c'erano lavoratrici cinesi senza alcun tipo di contratto professionale.
 
I Carabinieri della Stazione di Noale, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Operativo Gruppo CC Ispettorato del Lavoro di Venezia, hanno controllato un centro massaggi a due passi dall’Ospedale, in via De Gasperi, oggetto da tempo di una discreta attività di monitoraggio, al piano terra di una palazzina residenziale, in posizione di transito; l’attività di massaggi e centro benessere era regolarmente pubblicizzata. I militari hanno trovato all’interno dei locali  due massaggiatrici, entrambe cinesi (classe 1979 e 1960) e regolari sul territorio nazionale, ma nessun cliente. I problemi sono emersi quando il personale dell’ispettorato ha approfondito la posizione lavorativa delle dipendenti: è stato scoperto che una “collaboratrice” era stata assunta solamente in parola, senza formalizzare alcunché, sia nei loro confronti che verso i competenti uffici amministrativi del lavoro: un “fantasma” dal punto di vista lavorativo, nonostante l’esercizio fosse molto attivo sul piano delle prestazioni professionali, visto che il centro è aperto dalla mattina alla tarda serata.

Pertanto, a conclusione delle relative attività, si è proceduto alla contestazione di varie sanzioni amministrative – tra le altre, la mancata dichiarazione di assunzione, l’impiego di manodopera irregolare e la mancata tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro – per un ammontare di quasi 30.000 euro, con sospensione in attesa dell’adeguamento delle mancanze accertate.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 20 Ottobre 2018, 12:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il centro massaggi cinese dove lavorava un "fantasma". Chiuso e multa di 30mila euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-10-20 17:58:56
Quasi tutte le pizzerie italiane hanno camerieri in nero. Evidentemente si vuole colpire solo i cinesi.
2018-10-21 18:36:42
no, sono camerieri con contratto a chiamata e pagati 4€/ora...se si lamentano, perdono la priorità nella lista chiamate. :-P
2018-10-20 14:56:20
Proposta: sei straniero? Vuoi aprire una attivita' in Italia? Ogni mese, regolarmente paghi un tot di tasse anticipate una prte fissa e un parte da "regolare" ogni fine anno in base alle assunzioni regolari che fai e agli incassi.
2018-10-20 16:47:57
Facciamolo per tutti: perche' graziare gli evasori italiani? Ah, gia', se sono legagrulli hanno il diritto libera evasione (ops, scusate, pace fiscale)!
2018-10-20 18:05:17
Ah certo si potrebbe fare, perche' no, solitamente pero', mi corregga se sbaglio, le aziende cinesi aprono e chiudono ogni due anni proprio per pagare ZERO tasse.