Motore in avaria: atterraggio di emergenza sulla spiaggia del Cavallino Foto Video

Lunedì 1 Novembre 2021 di Giuseppe Babbo
Motore in avaria: atterraggio di emergenza sulla spiaggia del Cavallino
1

CAVALLINO TREPORTI - Atterraggio d'emergenza sulla spiaggia di Cavallino per un G. È accaduto sabato pomeriggio, nel tratto di arenile compreso tra Cavallino e Ca' di Valle. L'allarme è scattato attorno alle 17.30, quando la visibilità iniziava a calare per effetto dell'imbrunire. Ottima la manovra del pilota che è riuscito a planare dolcemente fino ad atterrare in modo perfetto sulla sabbia. A bordo c'era una coppia di austriaci 60enni che hanno riportato solo un comprensibile spavento. Il loro piano di volo prevedeva il decollo dall'aeroporto del Lido di Venezia, quindi l'atterraggio all'aviosuperficie di Caorle.

Video


L'ALLARME

Ma all'altezza del confine tra Cavallino e Jesolo nel quadro comandi si è accesa una spia che segnalava un perdita di olio. Il pilota, che vanta parecchie ore di volo alle spalle, ha immediatamente intuito la gravità della situazione e per questo ha dato subito l'allarme procedendo con un atterraggio di emergenza evitando rischi inutili. In particolare l'uomo è riuscito a planare dolcemente fino ad arrivare sulla spiaggia dove è atterrato percorrendo qualche centinaio di metri sull'arenile prima di riuscire a spegnere il motore. Il tutto dimostrando una buona dose di sangue freddo e soprattutto una buona perizia: il motore in avaria e il successivo atterraggio sulla sabbia non hanno infatti agevolato le manovre, ma tutto è avvenuto ugualmente nel migliore dei modi, come hanno evidenziato gli stessi soccorritori tanto che nessuno si è fatto male e nessuna persona è rimasta coinvolta o ha riportato delle ferite. Nessun danno nemmeno all'aereo, eccetto ovviamente il problema legato alla perdita d'olio. Una volta lanciato l'allarme, sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia di Jesolo che hanno avviato gli accertamenti del caso, identificando i due turisti assieme ai quali è stata ricostruita l'esatta dinamica dei fatti. E sempre da Jesolo sono giunti anche i vigili del fuoco del locale distaccamento che hanno effettuato le opportune verifiche anti-incendio sul velivolo.


LA RIMOZIONE

Scongiurata questa eventualità, i soccorsi si sono praticamente conclusi. L'ultraleggero è così rimasto sulla spiaggia per tutta la notte di sabato, mentre ieri sono state effettuate le operazioni di recupero. In particolare i tecnici hanno smontato le ali dalle quali è stato svuotato l'olio. In questo modo il velivolo è stato rimosso dalla spiaggia e portato in un centro specializzato per valutare l'entità del danno. Tante le persone che ieri mattina, durante la passeggiata sulla spiaggia, hanno notato il piccolo aereo e che incuriosite si sono scattate un'insolita foto. Fortunatamente infatti al momento dell'atterraggio sulla spiaggia non c'era nessuno che potesse rappresentare un ostacolo alle manovre di emergenza o peggio ancora rischiare di essere travolto. E non a caso ad accorgersi di quanto accaduto sono stati solo alcuni residenti all'arrivo dei vigili del fuoco. Di certo però se la stessa situazione si fosse verificata in piena estate con la spiaggia piena di turisti, o in un'altra città più frequentata, le conseguenze sarebbero state ben peggiori. 


Ultimo aggiornamento: 12:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA