Motoraduno dei pompieri in ricordo dei colleghi morti. Foto

In sella anche la figlia di una delle vittime

Domenica 25 Settembre 2022 di Monica Andolfatto
Motoraduno dei pompieri in ricordo dei colleghi morti

MESTRE - Da quella tragedia che le ha sconvolto l'esistenza, non solo ha tratto la forza per reagire, ma anche per costruirsi un presente sull'esempio e sulle orme dell'adorato papà morto quando lui aveva appena 12 anni. Giorgia Cavaldoro di Campalto è pompiere in servizio al comando provinciale di Mestre, lo stesso del padre Marco, classe 1965, deceduto a causa di un incidente stradale a Castelfranco Veneto il 26 settembre 2010. Presidente del Motoclub vigili del fuoco Venezia, con altri colleghi tutti motociclisti era diretto a Enego dove nel giugno dello stesso anno aveva perso la vita un altro pompiere motociclista Andrea Dalla Regina, 28 anni, di Campolongo Maggiore, vittima anche lui di un incidente stradale durante una uscita del club.

IL RACCONTO

«Con noi c'erano anche i genitori di Andrea. Volevamo portare dei fiori sul luogo della tragedia spiega Carlo Orsenigo, pompiere e zio di Giorgia e invece il nostro pellegrinaggio si è fermato nemmeno a metà strada dove ci siamo trovati a piangere la perdita di Marco. Fu terribile».
Un dolore straziante che la grande famiglia dei vigili del fuoco ha saputo superare stringendosi ancor più ai congiunti sia di Andrea che di Marco.
«Certo c'è voluto tempo per riprendersi dallo choc tremendo e devastante riprende Giorgia ma mio papà e Andrea non sono mai stati dimenticati. In occasione del decennale dalla loro scomparsa volevamo organizzare un memorial motociclistico per condividerne il ricordo con tutti gli amici e colleghi. Ma il progetto è stato fermato dalla pandemia. Lo abbiamo proposto quest'anno e la risposta è stata commovente».
Nel giro di breve è stato raggiunto il numero massimo di 150 partecipanti al raduno motociclistico Memorial Marco e Andrea 2010- 2022 che si svolgerà conclude oggi. L'appuntamento si è aperto ieri a Quarto d'Altino con un motogiro lagunare che ha richiamato numerosi partecipanti con destinazione Punta Sabbioni. Oggi la conclusione della manifestazione: il ritrovo è alle 9.30 nella sede del comando di Mestre per il motogiro sui Colli euganei passando per la Riviera del Brenta con meta finale Rovolon per il pranzo.

«So solo che papà e Andrea sarebbero stati contenti di vederci così tanti insieme - racconta Giorgia Cavaldoro - , provenienti da tutta Italia, all'insegna della solidarietà e della generosità che contraddistingue chi sceglie di entrare nel corpo dei vigili del fuoco» conclude Giorgia. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci