Il sindaco di Chioggia: ho chiesto si usasse il Mose, ma è rimasto fermo perché manca il collaudo

PER APPROFONDIRE: alessandro ferro, chioggia, mose, sindaco
​Il sindaco di Chioggia: ho chiesto si usasse il Mose, ma è rimasto fermo perché manca il collaudo
CHIOGGIA (VENEZIA) - Il Mose avrebbe potuto avere il battesimo del fuoco con l'acqua alta straordinaria di martedì notte. Ma il Consorzio Venezia Nuova ha detto no. A sostenerlo, dopo averlo inutilmente chiesto, è il sindaco di Chioggia Alessandro Ferro (M5s), cittadina costiera che, come Venezia, viene sommersa dalle maree eccezionali.

LEGGI ANCHE Mose, lavori fermi da 5 anni. Lo studio: «Funzionerebbe»

I Commissari del Cvn, ha spiegato Ferro, hanno risposto picche alla sua richiesta perché manca il collaudo e l'opera, di fatto, non è ancora terminata mancando la "cabina di regia". Due degli ultimi test, tra l'altro, il 21 e 24 ottobre, sono saltati per alcune vibrazioni anomale sulle paratoie. «Ho chiesto che venisse utilizzato il Mose alla vigilia dell'acqua alta eccezionale di martedì notte ma i Commissari hanno detto no - ribadisce Ferro, nel giorno in cui Chioggia è tornata 'sottò per una massima di 150 cm - La motivazione è stata che il Mose non è stato collaudato, quindi non può essere utilizzato».

A Chioggia, peraltro, ha fallito stavolta anche il baby-Mose, una struttura mobile su due barriere che blocca temporaneamente il Canal Vena fino a 130 cm, evitando l'allagamento della parte centrale della cittadina. Una struttura, battezzata nel 2012, che ha già funzionato centinaia di volte, ma era stata progettata per le emergenze, in attesa della realizzazione del vero Mose. Queste strutture però, quando l'acqua supera il livello di 130, diventano inutili, e i 170 cm di martedì a Chioggia e i 150 di oggi hanno reso inutile il baby-Mose portando Chioggia al collasso.

La mini-barriera è formata da due paratoie collocate alle estremità del canal Vena, che attraversa l'intero centro storico. La prima si trova in corrispondenza di porta Santa Maria mentre la seconda è in prossimità di piazza Vigo. La gestione del baby-Mose è flessibile, tanto da regolare il livello dell'acqua nel canal Vena, mettendola in parallelo con la quota della pavimentazione di Corso del Popolo, la principale arteria cittadina. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 15 Novembre 2019, 19:36






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il sindaco di Chioggia: ho chiesto si usasse il Mose, ma è rimasto fermo perché manca il collaudo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-11-15 20:37:56
Il sindaco di Chioggia ha poco da meravigliarsi, visto che e' un pubblico ufficiale: se fosse stato lui a capo del Consorzio Venezia Nuova avrebbe fatto esattamente lo stesso, perche' un'opera non collaudata e' anche un'opera non assicurata, tanto per dirne una. Se qualcuno si fosse fatto male durante le operazioni, i danni li avrebbe pagati chi ha deciso l'attivazione estemporanea, non altri.