Mose, sfida dell'ex sindaco Orsoni: «La prescrizione salva la Procura»

PER APPROFONDIRE: giorgio orsoni, mose, prescrizione
Mose, sfida dell'ex sindaco Orsoni:  «La prescrizione salva la Procura»

di Gianluca Amadori

VENEZIA - «La prescrizione ha salvato la Procura, non me». Lo ha dichiarato ieri l'ex sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, sostenendo che con la sentenza sullo scandalo Mose viene impedito l'accertamento della verità e dunque della sua totale estraneità alle accuse, lasciando una «macchia» a suo carico. Ma Orsoni non molla, e ribadisce che l'inchiesta è stata messa in piedi per «farmi fuori, perché davo fastidio a qualcuno».
L'ex sindaco attende ora di poter leggere le motivazioni della sentenza per poi decidere il da farsi assieme ai suoi legali, ma per poter proseguire il processo avrebbe dovuto rinunciare alla prescrizione prima del pronunciamento dei giudici.

«ACCUSATORI ATTENDIBILI»
Nelle 827 pagine di cui è composta la sentenza sullo scandalo Mose, il Tribunale scrive che gli accusatori dell'ex sindaco di Venezia - Giovanni Mazzacurati e il suo collaboratore, Federico Sutto - sono attendibili. Le loro dichiarazioni precise e riscontrate. E dunque, secondo i giudici è effettivamente avvenuto il finanziamento in nero della campagna elettorale che, nel 2010, incoronò Giorgio Orsoni a Ca' Farsetti. 

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 24 Febbraio 2018, 13:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mose, sfida dell'ex sindaco Orsoni: «La prescrizione salva la Procura»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-02-26 00:57:02
Ma...i giornalisti potrebbero aiutarmi. Ricordo male o l'ex sindaco, vista la malaparata, tante erano le prove e non pensando allora di poter contare sulla prescrizione...chiese il patteggiamento che gli fu rifiutato dal Tribunale?
2018-02-25 09:58:31
i soliti comunisti vendicativi!...
2018-02-24 20:52:26
Per Quelli che mi hanno preceduto... Chi lo ha votato sono stati ( I VENEZIANI NON I NAPOLETANI). Poi per la compagnia che frequentava, non erano santi .. Vedi GALAN CHISSO E L'INGEGNERE che in america non si ricordava niente, non vorrei sbagliare ma era un imprenditore nella costruzione del FAMOSO MOSE.. ecccc.. Galan amico dell'amico...
2018-02-24 20:21:53
non hanno più il senso della vergogna. tutto gli è dovuto ed a tutto hanno diritto.
2018-02-24 19:23:07
Ogni volta che lo vedo per strada mi domando come hanno fatto i piddini a proporre simile nullita' come sindaco di popo' di citta' come Venezia.