Lutto nel mondo della moda: è morto Roberto Compagno, presidente di Slowear

Venerdì 17 Settembre 2021 di Luisa Giantin
MIRA Roberto Compagno era presidente della Slowear
1

MIRA – Lutto nel mondo dell’imprenditoria veneziana: è mancato Roberto Compagno presidente e ceo di Slowear e titolare con il fratello Marzio della Incotex l’azienda leader nella produzione di pantaloni, tra le eccellenze dell’imprenditoria mirese. Un imprenditore di successo ma anche un “mestrino d’hoc”, attento, curioso, sportivo, appassionato di basket e tifoso della Reyer.

A dare comunicazione della sua improvvisa scomparsa è stata proprio una nota dell’azienda di Mira nel pomeriggio di ieri. “Oggi il mondo dell'imprenditoria italiana perde uno dei suoi esponenti più visionari, Roberto è stato un’industriale puro, produttore e licenziatario, wholesaler e retailer. Ma è stato soprattutto un pioniere. Per lui la moda e l'abbigliamento erano prima di tutto filosofia e cultura. Il suo talento e la sua predisposizione al cambiamento hanno portato il gruppo ad aggiornarsi costantemente, per affrontare le sfide del tempo”. Oltre all’Incotex, che ha sede in via Fornace a Mira nel centro produttivo ex Mira Lanza, e che Compagno portò ai vertici del mercato come un brand stimato e riconosciuto come il marchio dei migliori pantaloni al mondo, l’imprenditore veneziano insieme al fratello gestisce anche i marchi Glenshirt (camicie), Zanone (maglieria) e Montedoro (capispalla. Tutti brand che nel 2003, attraverso l’intuizione dei due fratelli, diventarono parte del progetto Slowear, che raccoglie appunto una selezione di firme di alta qualità e tendenza per uno shopping ed un consumo più comodo, «anticipando i concetti di moda durevole e del vivere slow nel pieno boom del fast fashion».

A Mira Compagno era un imprenditore apprezzato e stimato per la sua accortezza e disponibilità anche nei rapporti con il personale. “L’ho conosciuto personalmente qualche anno fa – racconta il sindaco di Mira Marco Dori - quando ho avuto l’occasione di visitare la sua azienda in via Fornace. Ho apprezzato la sua disponibilità, da persona molto attenta non solo sotto il profilo imprenditoriale ma anche umano e culturale. Con la scomparsa di Roberto Compagno – ha aggiunto il sindaco - viene a mancare un importante riferimento dell'attività produttiva della nostra città e dell'intera Riviera del Brenta”.

Ma Roberto Compagno era soprattutto un mestrino doc, nato a Mestre abitava con la moglie e la figlia in piazza Barche. “Era un supermestrino – racconta un caro amico d’infanzia. – Sempre attento a ciò che accadeva in città. Aveva moltissimi interessi e curiosità, verso l’ambiente, l’ecologia, la cultura che sapeva poi far convergere nel suo lavoro e nella sua abilità di imprenditore. Aveva mantenuto le passioni che aveva anche da ragazzo – ricorda l’amico - lo sport, in basket in particolare, ma anche la barca ed i viaggi che appena poteva continuava a coltivare, nonostante i numerosi impegni”.

Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 10:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA