Mira, Suv svolta ma c'era il ciclista che sfonda il parabrezza e muore

PER APPROFONDIRE: ciclista, incidente stradale, mira, morto
Mira, Suv svolta ma c'era il ciclista che sfonda il parabrezza e muore
MIRA - Incidente stradale mortale poco fa, verso le 16 di oggi 7 novembre, a Mira, lungo Via Nazionale, all'altezza di Villa Margherita, all'incrocio con via Don Minzoni. Lo schianto, violento, tra un ciclista e un'automobile. Il ciclista ha sfondato il parabrezza ed è morto, nonostante avesse il caschetto.

La vittima è un uomo, un adulto, che pedalava su una bicicletta da corsa. Non è stata ancora resa nota la sua identità. Secondo i primi accertamenti, svolti dalla polizia locale di Mira, e che non sono ancora definitivi, si sarebbe trattato di una mancata precedenza: entrambi i veicoli procedevano lungo via Nazionale, in direzione opposta, la bicicletta in direzione Oriago e l'auto, una Fiat 500 X, in direzione Mira. L'auto,  guidata da una donna del luogo, avrebbe svoltato a sinistra, per imboccare via Don Minzoni, senza dare precedenza alla bicicletta che stava arrivando. L'urto con il Suv è stato violentissimo: il ciclista ha sfondato il parabrezza con la testa ed è morto sul colpo, nonostante avesse il caschetto. 
 
 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 7 Novembre 2019, 16:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mira, Suv svolta ma c'era il ciclista che sfonda il parabrezza e muore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 67 commenti presenti
2019-11-08 15:25:45
Chi uccide è un assassino: confisca auto, ritiro perpetuo patente e galera, nonchè pagamento danni (è un eufemismo). Chi uccide al volante deve essere "massacrato" dalla legge! La legge deve proteggere e garantire il più debole!
2019-11-08 19:58:33
speri vivamente di non diventare mai anche lei assassino, sa in strada basta poco puo' capitare a chiunque anche ad uno come lei
2019-11-08 14:11:53
smartphone?
2019-11-08 16:55:09
scommettiamo?
2019-11-08 12:18:57
I commenti contro la parte più debole, cioè il ciclista, dimostrano il livello culturale di certe persone, che trae le sue fondamenta nell'ignoranza assoluta. Inoltre evidenziano di possedere una mancanza di umanità insita nelle persone dal cervello bruciato da qualche dipendenza. Pensiamo che quel ciclista avrebbe potuto essere un bambino che andava a scuola o una mamma che andava a prenderlo.