Fermo in auto in via Trento con il finestrino abbassato: coltello alla gola, «Dammi i soldi»

PER APPROFONDIRE: auto, finestrino, mestre, rapina
Fermo in auto con il finestrino giù  Coltello alla gola: «Dammi i soldi»
MESTRE - Era nella sua auto, tranquillo, quando un uomo si è avventato su di lui dal finestrino aperto, minacciandolo con un coltello. Pochi istanti, il tempo di chiudere in fretta il vetro e chiamare la polizia.

Sono stati momenti di vera paura quelli vissuti il 17 apreile, intorno alle 07:45 da un uomo in via Trento, all’incrocio con via Monte San Michele. Gli, agenti giunti sul posto, hanno trovato e immediatamente bloccato un uomo che tentava con violenza di introdursi all’interno di un’auto al cui interno si era barricato il malcapitato, un cittadino italiano.

Agli agenti la vittima ha raccontato che mentre si trovava all’interno della sua autovettura, l’uomo appena fermato dai poliziotti gli aveva chiesto del denaro gli aveva puntato un coltello alla gola, minacciandolo e chiedendogli tutti i soldi in suo possesso. Lo stesso ha continuato dicendo di essere riuscito a chiudere rapidamente il finestrino dell’auto, di aver avvisato il numero di emergenza 113 e di essere rimasto all’interno della vettura fino all’arrivo della volante.

Il rapinatore identificato per K.A., cittadino bengalese di 37 anni, è stato trovato in possesso di un coltello con una lama di 14 centimetri e di 2,44 gr. di hashish. Accompagnato presso gli uffici della Questura per gli accertamenti del caso, è risultato irregolare sul Territorio Nazionale e pertanto, oltre ad essere arrestato per il reato di rapina aggravata ed essere tradotto in carcere a Venezia in attesa di giudizio, è stato denunciato per il reato di porto di oggetti atti ad offendere ed inadempienza all’Ordine del Questore con Decreto Prefettizio di espulsione e gli è stata contestata la sanzione amministrativa prevista dall’art.75/5 del DPR 309/90 per la detenzione di sostanza stupefacente.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 18 Aprile 2019, 19:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fermo in auto in via Trento con il finestrino abbassato: coltello alla gola, «Dammi i soldi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2019-04-19 09:37:24
§§ rasisti,rasisti ......xenofobi veneti,che non sapete distinguere una '' risorsa'' (per i compagni) da un volgare rapinatore indesiderato ( come dicono i -non- compagni).
2019-04-19 09:34:13
Tutto questo grazie alla bossi-fini e ai governi di destra che facevano solo i loro interessi ....vergogna !!!!!! andate da loro a piagnucolare....vergogna !!!! ciao enrico..ciao.
2019-04-19 10:08:50
# come va lo zoo a Rosolyn, hanno sistemato le gabbie ?? Ciao Enrico,ciao .....vergogna Enrico.....
2019-04-19 10:20:02
La bossi-fini era tarata per un flusso di profughi molto limitato. E' stata poi la sinistra a far entrare qui cani e porci. Con tutte le conseguenze del caso, vedi kabobo e compagnia bella, attenzione che la lista e' lunga. Poi la sinistra ha pensato bene di indottrinare i suoi seguaci dicendogli che la colpa era la legge di bossi che era stata creata prima che la sinistra andasse al potere. Quindi la sinistra oltre che essere in malafede, possiamo dire che non ha fatto niente poi quando era al governo per gestire l'enorme flusso di gente, ma anzi, non ha differenziato tra immigrati, clandestini e profughi. Per loro erano la stessa cosa, ovvero soldi che entravano. Pensa alla tua francia, che a conti fatti e' presa peggio che l'italia!
2019-04-19 12:57:25
ma lei crede che eliso francioso conosca la bossi-fini?SE la conoscesse non scriverebbe certe corbellerie.