«100 anni di giovinezza». Manifesti fascisti alle fermate di autobus e tram /Foto

«100 anni di giovinezza». Manifesti fascisti alle fermate di autobus e tram /Foto
MESTRE - Manifesti abusivi che inneggiano a «100 anni di giovinezza» con l'effigie di un fascio littorio sono comparsi nella notte in alcune fermate di autobus e tram a Mestre.


La denuncia viene dall'onorevole Nicola Pellicani, che ne chiede la rimozione, ribadendo che «Venezia è una città antifascista». «Tira una brutta aria nel nostro Paese - prosegue Pellicani - ma non possiamo permettere vengano esposti manifesti come quelli affissi a Mestre. Il fascismo è stato protagonista della pagina più buia del secolo scorso, non solo va condannato, ma l'apologia del fascismo è un reato».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 22 Marzo 2019, 12:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«100 anni di giovinezza». Manifesti fascisti alle fermate di autobus e tram /Foto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 49 commenti presenti
2019-03-23 16:21:33
Povero Odaldelta, è convinto che prosciugare un paio di paludi possa cancellare immensi crimini e trasformare un ominicchio in un condottiero.
2019-03-23 10:07:49
@ Odadelta delle 018.34 . Quella della guerra persa per colpa della monarchia e dei socialisti ci mancava . Oggettivamente pensava di vincere una guerra con un esercito che a momenti ci fa' invadere dalla Grecia o che con una Francia ormai sconfitta era ancora bloccato in Liguria ?
2019-03-23 06:38:19
La giovinezza (di chi ci credeva) e' finita con la guerra e con la sconfitta: agitare questi miti e' come agitare uno scheletro. Vale per il nazismo, vale per il comunismo, tutti sconfessati dalla Storia ma tuttora striscianti nei miti. Lasciano il tempo che trovano: il futuro e' davanti a noi, non dietro a noi.
2019-03-22 19:03:28
Il fascismo che viro' in mussolinismo, non fu che la conferma dell'indole da cortigiani propria di noi italiani, la poca propensione ad assumerci responsabilita', preferendo adagiarci al volere del domatore di turno, e attendere da lui la salvezza. Non ci fossero stati di mezzo i morti, avremmo potuto dire che fu una solenne buffonata, ma non ando' cosi'.
2019-03-22 19:58:18
Non è obbiettivo si arrampica sugli specchi negando la verità delle opere mussoliniane, avete cambiato i nomi ma le opere sono là con nomi storpiati se va a Venezia percorre un'opera di mussoliana memoria, tanto per ricordandogliene una, lo ripeto non sia ridicolo.