Pusher padroni, «I clienti chiedono di accompagnarli per paura di quei ceffi»

PER APPROFONDIRE: clienti, jesolo, mestre, spaccio
Zona preda dei pusher: «I clienti ci chiedono di accompagnarli per paura di quei ceffi»

di Alvise Sperandio

MESTRE - «L'altro giorno avevamo ospiti quattro clienti. Quando hanno finito di pranzare, li abbiamo accompagnati alla porta e mentre uscivano, sul marciapiede è scoppiato il finimondo di urla e di botte. Alle 3 del pomeriggio. Da preoccuparsi e da vergognarsi di una scena che non è un bel biglietto da visita per questa città».

I titolari di uno dei tanti ristoranti della zona raccontano i guai quotidiani generati dai pusher che adesso hanno fatto delle rastrelliere di via Col di Lana il loro punto di ritrovo, minacciando anche i pendolari. «Ne fanno di tutti i colori, fino a distendersi sulle auto in sosta per mangiare. Spesso si mettono a prendere a pedate bici e motorini parcheggiati, così per sport proseguono Ci sono persone che vengono a pranzare da noi tutti i giorni da 35 anni e come noi sono basiti da un degrado assoluto che nessuno è in grado di arginare. Ormai ci capita persino che alcune persone, specialmente alla sera, chiedano di essere accompagnate a ritirare la macchina parcheggiata nei paraggi perché non si fidano più di passeggiare da sole. Questa situazione sembra giunta a un punto di non ritorno e adesso cominciamo a risentirne anche sul piano del lavoro e degli incassi. Le forze dell'ordine? Passano, guardano e vanno via».

Parecchi residenti non si dicono soddisfatti dell'efficacia dei controlli, pur riconoscendo che il dialogo e la collaborazione sono continui. «La Polizia locale rinvia alla Questura e quando chiamiamo il 113 fanno a noi l'interrogatorio su chi siamo, dove abitiamo, dove ci troviamo mentre stiamo telefonando, che cosa stiamo vedendo, come se non ci conoscessero e soprattutto non fossero al corrente di quel che succede qui tutti i santi giorni spiegano alcuni Passa anche la camionetta dei Lagunari, ma loro non hanno competenza contro lo spaccio per cui si limitano a dare un'occhiata. La settimana scorsa abbiamo visto con certezza che la droga era stata nascosta in alcuni sacchetti dentro i bidoni dell'umido: abbiamo chiesto di aprirli per trovarla, ma tra un discorso e l'altro l'operazione non è stata effettuata. E anche i controlli con i cani si sono diradati».

L'attacco ai proprietari delle biciclette è ormai un problema sotto gli occhi di tutti: «Quelle rastrelliere tra l'isola ecologica e l'impalcatura della palazzina in restauro sono diventate un'enclave che favorisce i traffici loschi di questi signori pronti a tutto. Il dato di fatto è che la gente ha sempre più paura», concludono. Nei loro volti e nelle loro parole si avverte la sfiducia sul fatto che la situazione possa cambiare.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 13 Maggio 2018, 05:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pusher padroni, «I clienti chiedono di accompagnarli per paura di quei ceffi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 37 commenti presenti
2018-05-14 18:55:21
NON E' QUESTIONE DI RAZZISMO MA CHI VIENE IN ITALIA DEVE RISPETTARE IL POPOLO, LE ISTITUZIONI, LA LEGGE E CHI LA RAPPRESENTA questi bisogna accompagnarli fuori dalle acque territoriali, indicargli le coordinate del loro paese e che ci ritornino a nuoto.. assieme a chi ancora li difende. Ne abbiamo gà troppi di delinquenti nostrani non ce ne servono di altri che si qualificano pseudoprofughi. Cmq finchè non ci saranno pene certe e giudici che le applicano NON CAMBIERA' NULLA NEANCHE SE PRESIDI LA ZONA 24H SU 24 CON UN REPARTO INTERO DI POLIZIA... basta vedere cosa hanno fatto è detto al povero poliziotto che ha controllato i colorati senza biglietto sul treno.-
2018-05-14 15:42:05
Il Sindaco ha le mani legate, Carabinieri e Polizia hanno le mani legate, l' Esercito fa solo presenza, la causa di tutto sono le Leggi buoniste imperanti volute dai Catto-comunisti, PD e Sinistra in genere, non puoi nemmeno difenderti perché se fai un graffio ad un delinquente finisci tu sotto processo, le Forze dell' Ordine stesse, devono stare attente a come si muovono per non finire sotto processo, un esponente di Liberi ed Uguali, Partito della Sig.ra Boldrini e Sig. Grasso, aveva proposto di disarmare le Forze dell' Ordine e di far loro fare un corso di " Buon comportamento ", in questa situazione sarà sempre peggio, l' unica possibilità e che chi vota PD e Sinistra si svegli una buona volta e apra gli occhi, i risultati delle le ultime votazioni danno una certa speranza...
2018-05-14 14:31:46
A casa il prefetto... se non hanno la situazione sotto controllo. A casaaaa.
2018-05-14 11:46:18
Per Scettico a me pare che lei sia ceco..forse non segue e non vede le vicende della giustizia. Ma se le piace l'Italia così....se la tenga ma poi non si lamenti quando toccherà anche a lei subire la delinquenza dilagante
2018-05-15 09:35:26
@lorydon: prendo atto che lei, come gli altri lettori, NON è in grado di rispondere a un quesito molto semplice, ma solo di fare affermazioni generiche quanto apodittiche. A me non piace proprio nulla, tanto meno l'italia così, ma è ora di finirla di parlare a vanvera.