Gli specializzandi potranno operare come medici di base: via libera dal Consiglio regionale del Veneto

Mercoledì 18 Maggio 2022
Gli specializzandi potranno operare come medici di base: via libera dal Consiglio regionale del Veneto
2

Nessuna modifica: la ricetta arrivata dalla giunta di Luca Zaia e dall'assessore alla Sanità Manuela Lanzarin per far fronte alla carenza di medici impiegando gli specializzandi è stata approvata dalla maggioranza del Consiglio regionale a scatola chiusa. Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia hanno respinto tutti gli aggiustamenti avanzati dalle opposizioni che avevano fatto proprie le istanze delle categorie sindacali. Dunque, via libera agli specializzandi come medici di base e pure in Pronto soccorso.

Specializzandi come medici in Veneto

La legge ordinamentale approvata ieri dal consiglio regionale prevede che i medici iscritti ai corsi di formazione in medicina generale potranno avere già dal primo anno incarichi temporanei sino a 1.000 assistiti in convenzione (anziché 650 come previsto attualmente per gli incarichi temporanei), elevabili a 1.200 per i medici al secondo e terzo anno del percorso di formazione. Le ore di incarico temporaneo di cura primaria saranno pagate in aggiunta alla borsa di studio e riconosciute come attività pratica valida ai fini del titolo formativo. Per quanto riguarda i Pronto soccorso, l'ordinamentale prevede che gli specializzandi già dal primo anno possano lavorare nei servizi di urgenza ed emergenza con contratti libero professionali o di collaborazione continuata continuativa. La legge proroga inoltre al 31 gennaio 2024 la possibilità di stabilizzare con concorsi i professionisti non specializzati che hanno maturato almeno 4 anni di servizio anche non continuativo nei servizi di urgenza ed emergenza. Infine, le aziende sanitarie potranno incentivare le prestazioni aggiuntive dei medici ospedalieri già dipendenti, pagandole sino a 100 euro lordi l'ora (al posto dei 60 euro attuali).


«Bene, sono misure urgenti per curare la gente», ha commentato in una nota il governatore Luca Zaia. «Così allentiamo la tensione sul fronte della carenza di medici, che è una priorità assoluta», ha aggiunto l'assessore Manuela Lanzarin. «Soluzioni che daranno risposte alle esigenze dei cittadini», ha detto la presidente della Quinta commissione Sonia Brescacin. «È stata un'operazione chirurgica riuscita ottimamente, il tempo dei ricatti del Pd è terminato», ha detto il capogruppo della Lega, Alberto Villanova. «Sono state ignorate le richieste dei medici e dei cittadini», ha ribattuto il Pd di Giacomo Possamai.


Approvato, invece, all'unanimità l'ordine del giorno di Elena Ostanel (VcV) per istituire un piano diagnostico terapeutico per il trattamento della vulvodinia, malattia che colpisce una donna su sette e su cui sta portando avanti una battaglia il frontman dei Maneskin, Damiano David.

Ultimo aggiornamento: 16:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci