Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fuga dei medici? Botta e risposta. Zaia: «Falso, in Veneto 85 in più». Il Pd: «I numeri sono altri»

Giovedì 28 Aprile 2022 di Alda Vanzan
Fuga dei medici? Botta e risposta. Zaia: «Falso, in Veneto 85 in più». Il Pd: «I numero sono altri»
3

Pochi medici in Veneto? Malpagati? E pronti a scappare dagli ospedali pubblici? È la polemica di questi giorni, innescata dopo le dimissioni del primario del Pronto soccorso dell'ospedale San Bortolo di Vicenza e che ieri ha registrato un botta e risposta a distanza tra il presidente della Regione Luca Zaia, il sindacato dei medici Cimo, il capogruppo del Pd Giacomo Possamai.


«Se vogliamo parlare dei problemi della sanità, parliamone, ma con numeri reali alla mano - ha detto Zaia -. Dal 31 dicembre 2019 al 31 dicembre 2021 in Veneto ci sono 85 medici dipendenti in più. Anche il saldo tra assunti e dimessi parla chiaro: tra il 2021 e questo scorcio di 2022, 1.820 assunti contro 1.744 dimessi». E le paghe più basse d'Italia? «Un ritornello che non corrisponde alla verità, perché dalle ultime rilevazioni nazionali, sia gli stipendi dei medici che quelli dei dirigenti dei ruoli professionale, tecnico e amministrativo, sono al di sopra della media nazionale: per i medici siamo a 85.285 euro contro una media italiana di 78.766 euro, per i dirigenti tecnici a 82.518 contro la media nazionale di 73.371. E faccio notare che il Veneto è l'unica Regione italiana che non applica l'addizionale Irpef, lasciando nelle tasche dei cittadini 1 miliardo 179 milioni di euro l'anno. Tra questi anche i medici, per il quali il risparmio è di minimo mille euro». «Da anni peraltro - ha aggiunto Zaia - sono il primo a dire che i nostri medici meriterebbero ben di più per le capacità e l'impegno che mettono in campo, ma in una Regione a statuto ordinario i margini di manovra sono ristrettissimi. Prova ne sia che gli stipendi più alti sono del Trentino Alto Adige (a statuto speciale) con 99.066 euro l'anno».


Attacco a Zaia


«Il presidente Zaia vive evidentemente su un altro pianeta, oppure ha scelto deliberatamente di negare la marea di problemi in cui naviga la sanità veneta», è stata la replica del capogruppo del Pd, Giacomo Possamai. Che ha fornito altri numeri: «In Veneto la spesa del personale per popolazione residente è tra le più basse d'Italia e, rispetto al budget complessivo della spesa sanitaria, la quota del personale è inferiore del 3-4% rispetto a regioni paragonabili come Toscana ed Emilia Romagna. Circa l'8% dei cittadini veneti è senza il medico di famiglia e nelle diverse strutture mancano 1.500 medici e oltre 3.000 tra infermieri, tecnici e operatori socio-sanitari. Uno stato di emergenza diffuso che il presidente Zaia ora ha il coraggio di negare in toto».


E altri numeri li ha messi sul tavolo il sindaco Cimo-Fesmed: «85 unità in più? Il riferimento va fatto alla carenza di 1295 medici al dicembre 2018 come da documento ufficiale dell'allora segretario regionale alla Sanità, Domenico Mantoan. Quanto alla retribuzione media non è dato di sapere se nel calcolo sono compresi anche i numerosi contratti libero professionali. Resta poi il problema dei Pronto soccorso, oramai affidati quasi interamente a cooperative esterne».


Medici in Veneto


A metà pomeriggio, Zaia ha allargato il tiro: «I medici devono diventare figure strategiche dal punto di vista formativo, e quindi garantendo più accesso alle borse di studio, alle specialità e dunque avere più medici sul mercato, ma anche dal punto di vista del trattamento di stipendio. Il vero problema è che medici sul mercato non ce ne sono. Per me il Paese deve dire che la figura del sanitario, special modo il medico, è una figura strategica nazionale come una volta lo era l'Esercito: il Paese dunque va bene che faccia scelte meritocratiche, ma deve pagare di più i medici».
 

Ultimo aggiornamento: 16:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci