Venezia allagata. L'esperto: «L'anomalia vissuta è come un pattinatore che rotea»

PER APPROFONDIRE: esperto, marea, pattinatore, venezia
Venezia allagata. L'esperto: «L'anomalia vissuta è come un pattinatore che rotea»
VENEZIA - «Possiamo pensare al pattinatore quando roteando su se stesso restringe le braccia e così aumenta la velocità. La configurazione meteo di questi giorni nel bacino Adriatico ha qualcosa di simile». È l'immagine con cui Alvise Papa, responsabile del Centro previsioni Maree del Comune di Venezia spiega l'anomalia che ha portato l'incubo dell'acqua alta ininterrotta da una settimana. Papa illustra l'attuale configurazione di blocco che contrappone l'anticiclone delle Azzorre davanti alla costa del Portogallo, e l'altro anticiclone sui Balcani, che «forzano una circolazione ciclonica nel Mediterraneo orientale con avvezione di aria fredda dai quadranti nord occidentali e venti sciroccali lungo tutto l'Adriatico».

In sostanza, afferma l'esperto, l'aria viene forzata a risalire violentemente l'Adriatico, che è un condotto arginato da una parte dagli Appennini e dall'altra della Alpi Dinariche. «Questa configurazione - sottolinea Papa - sta forzando venti di scirocco in modo più o meno costante da almeno otto giorni».

LEGGI ANCHE Gianfranco Bettin: «La Serenissima puliva sempre ​ i canali, ora sono fermi da 50 anni»

Ma la notte della marea a 187 cm cos'è successo?
«Martedi scorso, oltre ai venti sciroccali, si è sommato l'effetto di una depressione che dal Polesine si è spostata verso nord approfondendosi sulla laguna. Una cosa non prevista dalle previsioni meteorologiche che ha portato a raffiche molto importanti proprio all'interno della Laguna e sui tratti di costa che ha trovato nella sua traiettoria».

Per capire l'anomalia che si sta vivendo, Papa ricorda che «almeno negli ultimi 150 anni, il livello di martedì scorso è il secondo registrato dopo il 4 novembre 1966 e solo di 7 cm più basso; non avevamo mai registrato 2 episodi di marea superiori a 150cm nello stesso anno, ora li abbiamo registrati nel giro di tre giorni, mai registrati 3 eventi superiori a 140cm nello stesso anno, li abbiamo registrati in pochi giorni».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 16 Novembre 2019, 19:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Venezia allagata. L'esperto: «L'anomalia vissuta è come un pattinatore che rotea»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-11-17 00:36:02
Perturbazione e alta marea erano state previste. Non era stata prevista e probabilmente non era prevedibile la formazione particolare di quel minimo pressorio locale sul Rodigino con conseguente tempesta di scirocco sulla costa e ulteriore straordinario rialzo della marea oltre la misura stimata. La formazione del vortice depressonario è confermata dal fatto che quì a Conegliano il vento fortissimo arrivava dalla direzione opposta rispetto a quella da cui soffiava su Venezia e costa.