Allarme dalla Basilica: «Il sale della marea si mangia le colonne»

La cripta della Basilica di San Marco è stata sommersa
VENEZIA - È cominciato l'accertamento dei danni causati dalle acque alte eccezionali dei giorni scorsi alla Basilica di San Marco. Lo conferma il Procuratore di San Marco, Pierpaolo Campostrini, rilevando che «danni sono visibili anche alla lastra di marmo al capitello del Crocifisso ma molto si vedrà man mano che tutto si asciugherà e anche nei mesi perché il processo di corrosione del sale è lento ma inesorabile». Nella cripta era parzialmente stata fatta una desalinizzazione delle colonne, che era ancora in corso e ora andrà rifatta. «Ci sono cose che non si vedono immediatamente - spiega - Non è facile capire lo stato delle cose». Serviranno risorse da utilizzare «per tre punti: diagnostica, interventi urgenti e prevenzione. La settimana prossima - conclude - Diremo che piano di prevenzione vogliamo mettere insieme su tutto il perimetro della Basilica».

LEGGI ANCHE Acqua alta a Venezia. Nella Basilica di San Marco i mosaici perdono le tessere
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 19 Novembre 2019, 14:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Allarme dalla Basilica: «Il sale della marea si mangia le colonne»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-11-20 10:25:21
si è allarme è la prima volta che và sotto l'acqua, ma per piacere....
2019-11-19 16:58:10
Forza, continuare così, vedrete che i soldi arrivano.
2019-11-19 16:27:08
Ho letto i primi due commenti, solo un consiglio, se non conoscete un problema, non cercate a tutti i costi di commentarlo altrimenti dimostrate solamente la vostra ignoranza
2019-11-19 14:59:23
Venezia sono millenni che combatte con mare e acqua alta. ADESSO il sale marino si "mangia" le colonne ? Che andrebbero lavate con acqua distillata (neanche "volgare" acqua dolce). Cos'e' una nuova pensata per mungere fondi pubblici ?
2019-11-19 17:11:05
Probabile che l'acqua della laguna non sia proprio più quelle della Serenissima, scarichi fognari intrisi di varechina, detersivi, nafta, diossine varie e solo Dio sa cos'altro. Darei un consiglio ai custodi della basilica, in casi estremi come quello verificatosi forse auto affondare la chiesa con acqua dolce e tenerla ad un livello superiore dell'acqua alta causerebbe un danno minore.