Maltempo nel veneziano, 100mila metri cubi di spiagge erose: «Oltre 3milioni di euro di danni, l'Europa ci aiuti»

Mercoledì 30 Novembre 2022 di Marco Corazza
Maltempo nel veneziano, 100mila metri cubi di spiagge erose: «Oltre 3milioni di euro di danni, l'Europa ci aiuti»
4

Oltre 3 milioni di euro di danni sulla costa con circa 100 mila metri cubi di spiaggia erosi nelle località veneziane. Dopo le recenti forti mareggiate che hanno colpito tutto il litorale veneto, con forti venti fino a 60 chilometri orari e onde che hanno raggiunto anche i 6 metri di altezza con la conseguente devastazione delle coste e danneggiamenti a stabilimenti balneari, campeggi e darsene, l’onorevole della Lega Rosanna Conte ha presentato una interrogazione urgente alla Commissione Europea evidenziando la stima dei danni. «Il maltempo ha provocato circa 3 milioni di euro di danni - spiega l’onorevole Conte - con circa 100 mila metri cubi complessivi di spiaggia erosi nelle località di Jesolo, Chioggia, Rosolina, Eraclea, Bibione e Cavallino-Treporti, con la richiesta dello stato di crisi da parte dei comuni interessati». «Ormai – sottolinea nell’interrogazione l’europarlamentare – siamo di fronte a eventi avversi, causati anche dalle ondate di calore alquanto anomale, che sono sempre più frequenti e rendono evidente la necessità di realizzare opere di difesa strutturali per evitare danni ancora più gravi di carattere ambientale e per salvaguardare l’economia e il turismo, oltre che gli abitanti delle città balneari continuamente coinvolte». 

LE RICHIESTE

Da qui la richiesta da parte dell’onorevole Conte alla Commissione per sapere “se e in che modo sta collaborando con gli Stati Membri per assicurare la corretta gestione delle coste, quali strategie e azioni concrete intende suggerire per un approccio preventivo, piuttosto che emergenziale, per proteggere le coste dal fenomeno dell’erosione e, inoltre, se ci sono precedenti di successo all’interno dell’Unione Europea per la gestione preventiva dell’erosione costiera che possano dare impulso all’attivazione di un progetto pilota anche nell’Adriatico”. Solo a Jesolo la prima stima indica almeno 30mila metri cubi di sabbia inghiottiti dalla furia delle onde. Ma una pesante erosione si è registrata anche a Eraclea mare, alla spiaggia del Mort e sull’arenile di Cavallino. Il mix tra alta marea e raffiche di vento ha infatti lasciato il segno praticamente ovunque. A Bibione diverse migliaia di metri cubi di sabbia sono stati erosi provocando uno scalino di circa 40 centimetri. L’ arenile più a est è stato completamente sommerso dal mare con una mareggiata che ha raggiunto il muro paraonde in prossimità di piazzale Zenith e ha sormontato la duna, interessando le aree retrostanti come piste ciclabili, le aree verdi e alcune vie di accesso all’arenile. Danni ingenti anche alle strutture in arenile. La Lama del Revellino, nell’area Sic, è stata invece completamente sommersa. 

Ultimo aggiornamento: 07:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci