Zaia in diretta: «Vaccinazioni, con i nostri certificati si può andare ovunque»

Lunedì 17 Maggio 2021 di Redazione Web
Luca Zaia
6

Il presidente del Veneto Luca Zaia, in diretta, oggi 17 maggio, dalla sede della Protezione civile di Marghera per gli ultimi aggiornamenti sulla pandemia da Covid.  Nell'ultimo incontro-stampa - venerdì 14 - Zaia aveva annunciato l'apertura della prenotazione per i vaccini ai 40enni. ​«Siamo disponibili a fare la seconda dose ai turisti in vacanza in Veneto, vogliamo essere degli apripista in questo e non solo agli italiani - ha detto oggi il governatore - ma anche agli stranieri che verranno qui, se ci autorizzano».

BOLLETTINO

Numeri Covid in rapida discesa in Veneto. I nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore sono stati 173, solo 2 sono stati i decessi. Dati che non si vedevano dall'estate scorsa. Il totale degli infetti da inizio epidemia sale a 420.351, quello dei morti a 11.487. Lo riferisce il bollettino della Regione. Il totale dei malati Covid in ospedale è ora sotto quota mille, esattamente 991 (-1), dei quali 671 (-1) nei reparti non critici, e 120, stabile, nelle terapie intensive. Complessivamente, nei reparti di rianimazione, tra malati Covid e non, sono 396 i posti letti occupati, un livello ormai vicino all'ordinarietà pre-pandemia. I soggetti attualmente positivi e in isolamento sono 15.510 (-106).

VACCINAZIONI

Da domani - ha detto Zaia -  avremo altri 80mila posti liberi, se non arrivano altri 40enni probabile che decideremo di aprire agli altri. L'appello è di prenotarsi, la campagna va alla grande grazie ai vaccinatori dei 60 hub vaccinali, sono partiti anche quelli aziendali con già 4mila prenotati. 

ANTICIPARE LE SECONDE DOSI 

Per il richiamo dei vaccini si potranno attendere 35 giorni anzichè 42 per motivi particolari, casi specifici come quelli della presenza ad un evento, un matrimonio o per le ferie.

CABINA DI REGIA 

Si attendono le decisioni di oggi pomeriggio sugli orari del coprifuoco, io resto prudente, ma ottimista anche perchè le attività a rischio assembramento le abbiamo più nelle ore diurno. Dal punto di vista sanitario non ha molto senso continuare con il coprifuoco. Va valutato ormai l'aspetto economico, non solo sanitario.

Tampone fai-da-te, siamo in dirittura d'arrivo e sarà importante perchè si potrà comprare in farmacia e portarsi in tasca. Il costo dovrà essere abbordabile.

COPRIFUOCO

Non è un tabu pensare ad un allungamento degli orari. Palestre sono ancora chiuse, solo con la prenotazione si può entrare. Entrare nel posto di lavoro è come entrare in una palestra se si rispettano le regole.

TURISMO

Il dato è che almeno la metà degli italiani resteranno nel Belpaese, per noi veneti è fondamemtale l'arrivo degli stranieri: il problema sarà giugno mentre per l'alta stagione prevedo buoni flussi. Ma la cabina di regia deve tener conto delle migliaia di operatori in sofferenza. Noi intanto assicuriamo che con i nostri certicicati vaccinali i veneti potranno andare dove vogliono.

IL TREND

Leggero calo del trend della vaccinazioni nelle ultime 24 ore in Veneto, con un totale di 28.317 inoculazioni, ieri, domenica, lontano dal record di quasi 45.000 di sabato 15 maggio. In Regione sono state somministrate dall'inizio della campagna 2.311.293 dosi, il 94,5% delle forniture ricevute. Le persone che hanno già completato il ciclo vaccinale sono 667.056, il 13,7% della popolazione residente, mentre coloro che hanno ricevuto almeno una dose sono 1.612.873, il 33,1%.

GIOVANI MEDICI 

Abbiamo assunto 1.300 nuovi medici in un anno, unico aspetto positivo del Covid, ora fanno i vaccinatore.

DISCOTECHE

«Le discoteche e gli operatori sono sempre state disponibili, e non lo dico solo perchè conosco bene il settore: fatele aprire e mettetele alla prova e con loro anche per il settore degli spettacoli viaggianti.

 

 

 

I RICHIAMI

«La questione dei richiami dei vaccini è una discussione del mondo scientifico, noi ci adeguiamo - dice Zaia -. Quando ci hanno detto di fare il richiamo dopo 21 giorni, abbiamo rispettato i 21 giorni, quando ci hanno detto 42 giorni, abbiamo fatto i richiami dopo i 42 giorni, quando hanno detto over 65 lo stesso. Ci adeguiamo al mondo scientifico. Fa testo quel che dice il ministero tramite il Cts, non sono aggiustamenti che facciamo noi. C'è stata una fase in via emergenziale, adottata solo dal Trentino, poi è comparsa la circolare sui 42 giorni».

 

 

I NUOVI ARRIVI

I nuovi arrivi di vaccini in Veneto: Moderna 29.380 dosi, Pfizer 171.990, il 15 maggio arrivano 12.912 dosi di Johnson&Johnson,  29.300 dosi di Moderna e 23.600 dosi di AstraZeneca.

INCONTRO GOVERNO-REGIONI

 

COPRIFUOCO

«E' stato fatto un lavoro importante con le Regioni per raggiungere questi risultati e per avere il superamento dei parametri che risalgono ormai a 52 settimane fa - dice l'assessore veneto  Lanzarin - nell'incontro di questa mattina tra Regioni e Governo  non si è però parlato di coprifuoco e quindi di misure restrittive. Su questa vicenda non abbiamo novità da fornire».

IL GENERALE FIGLIUOLO

Oggi, 13 maggio, è la giornata del tour in Veneto del generale Francesco Paolo Figliuolo. La prima tappa del commissario straordinario per l'emergenza Covid-19 è al Padiglione Rama di Mestre, si tratta di un incontro riservato a Regione Veneto e tecnici. Conclusa la prima tappa, alle 11.30  è atteso al centro vaccinale PalaExpo di Marghera e qui si terrà anche un incontro con la stampa. Finito il tour veneziano il generale Figliuolo si trasferisce a Padova in zona Fiera dove sono allestiti i centri vaccinali e poi in visita all'ex ospedale militare. Infine, dopo una pausa, verso le 14.30 il commissario straordinario parte per Verona e alle 16.30 visiterà il Presidio Vaccinale della Difesa (PVD) creato e gestito dal 3° Stormo dell’Aeronautica Militare.

 

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 12:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA