Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Entro maggio 2.020 assunzioni di tecnici informatici, ma non si trovano. A caccia di giovani nelle scuole

Martedì 17 Maggio 2022
Laboratorio di informatica
1

VENEZIA - L'attitudine al digitale si conferma un requisito base per il mondo del lavoro. A maggio sono previste, secondo Assindustria Venetocentro, in Veneto 2.020 assunzioni di specialisti e tecnici informatici (480 a Padova, 310 a Treviso) ma il 74,3% degli specialisti, un picco, è introvabile (62,8% dei tecnici). Così scuola e imprese sperimentano insieme nuove strade, come diventare sviluppatori di app già al liceo. E' l'esperienza vissuta da 71 studentesse e studenti di tre licei scientifici di Padova e Treviso, grazie al progetto «Information technology e project management» promosso dal Club BIT di Assindustria Venetocentro, comunità professionale di IT manager di aziende manifatturiere.

Gli studenti dei licei Scientifici Curiel di Padova, Da Vinci di Treviso e Giorgione di Castelfranco Veneto, si sono cimentati nella creazione di un sistema per il tracciamento digitale delle consegne, attraverso un percorso educativo-esperienziale coerente con gli obiettivi dell'alternanza scuola-lavoro (Pcto), l'orientamento e l'indirizzo in scienze applicate dei tre licei. Il percorso si è svolto da ottobre a maggio, con il coinvolgimento attivo degli studenti, la formazione in project management, l'utilizzo di competenze informatiche e lo sviluppo di soft skill grazie alla simulazione di un contesto reale di lavoro. Il Premio Creatività è andato al team del Liceo Da Vinci di Treviso.

«Il crescente utilizzo delle tecnologie digitali è un fenomeno pervasivo che interessa tutte le attività economiche, influenza la domanda di lavoro da parte delle imprese e le caratteristiche delle mansioni che saranno proposte ai collaboratori - sottolinea Francesco Nalini, consigliere delegato Assindustria Venetocentro per l'Education -. Il filo conduttore delle professioni del futuro sarà il digitale, inteso come abilitatore della capacità delle aziende di creare nuovi business, migliorare processi e modelli esistenti, fattore essenziale per sostenere la competitività e aumentare la produttività. I risultati del project work promosso da Club BIT dimostrano che il ricorso agli strumenti digitali può arricchire e integrare l'attività didattica, stimolando nei ragazzi l'apprendimento attivo e rafforzando le loro competenze trasversali».

Ultimo aggiornamento: 18 Maggio, 13:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci