La rabbia degli albergatori: «Con la nuova legge hanno la garanzia di farla franca»

Sabato 7 Gennaio 2023 di Giuseppe Babbo
Jesolo, l'Aparthotel preso di mira dai ladri

JESOLO - «Il problema è che ci sono imprenditori stanchi di subire furti e soprattutto esasperati da questa situazione di totale incertezza». A dirlo è Alberto Carli, politico di lungo corso, storico iscritto alla Lega, per molti anni assessore e consigliere comunale ma anche imprenditore che in città gestisce un hotel e un ristorante nella zona della pineta, entrambi nelle scorse settimane visitati da alcuni ladri. E la stessa sorte è accaduta anche per altri hotel e ristornati della stessa zona, e di Cortellazzo, alcuni anche per più volte. I riferimenti delle sue parole sono però per l'ultima spaccata avvenuta in città, in questo caso ai danni del Pineta Aparthotel di viale Oriente, nella quale due ladri, uno italiano e l'altro tunisino, uno di 37 e l'altro di 33 anni, sono riusciti a entrare nella struttura mettendo le mani su un televisore e altri oggetti, oltre che sulla cassaforte. A dare l'allarme sarebbe stato il custode della struttura, allertato dall'allarme entrato in azione. Bloccati sulla vicina spiaggia, una volta identificati sono stati subito liberati, senza neanche il processo per direttissima. Con l'entrata in vigore della riforma Cartabia numerosi delitti contro la persona e contro il patrimonio puniti con pena edittale detentiva non superiore nel minimo a due anni sono diventati perseguibili unicamente a querela della persona offesa e non più d'ufficio, con il risultato che per il furto della scorsa notte, la polizia non ha potuto arrestare i responsabili: il titolare della struttura, un imprenditore russo fuori città, non era presente e non ha potuto sporgere querela, facendo venir meno il presupposto per l'arresto in flagranza.


CLIMA ROVENTE
Ed è su questo fronte che il dibattito in città è aperto. Molto critico, come detto, Alberto Carli: «Non è di certo questo commenta il modo migliore per risolvere il problema sicurezza. Negli ultimi mesi hotel e ristoranti della zona pineta, sono stati particolarmente battuti dai ladri. Il problema è reale: residenti e operatori turistici ormai sono esasperati, occorrono delle norme per risolvere concretamente questo tipo di criticità, soprattutto prima che l'esasperazione monti in qualcosa di altro». Molto critico anche il consigliere comunale Daniele Bison: «Come al solito sono le sue parole il rischio è che i delinquenti la facciano franca. Il reato predatorio è tra i più odiosi, il fatto che ora serva una querela per procedere contro i ladri sembra una beffa, oltretutto c'è il timore che le forze dell'ordine, già con le mani abbastanza legate, ora siano ancora più sfiduciate. Se è vero che questo è uno degli ultimi provvedimenti del precedente governo, ci si augura che quello nuovo cambi la norma al più presto».


L'IRA DEL SINDACO
Molto duro anche il sindaco Christofer De Zotti: «È una vergogna commenta - . Quando diciamo che manca la certezza della pena ci riferiamo proprio a questo. È il risultato di una politica classista, buonista e che deresponsabilizza le persone di fronte alle proprie azioni a cui abbiamo assistito in tutti questi anni. Sono convinto che il governo e il ministro Nordio sapranno intervenire per correggere queste storture, che lasciano le amministrazioni locali e le forze dell'ordine con le armi spuntate di fronte a chi la fa sempre franca. Un furto in abitazione o in attività è una violenza personale e in tal senso va punita». Sulla questione è intervenuto anche Roberto Dal Cin, presidente nazionale di Confapi Turismo: «Mi chiedo che reato debba commettere un delinquente dice per essere arrestato. Occorre la certezza della pena, quella norma va rivista».
 

Ultimo aggiornamento: 10:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci