Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Jesolo, scontri tra bande: un'altra notte di movida violenta

Pugni e calci a passante, un hotel danneggiato, rissa tra due gruppi

Lunedì 13 Giugno 2022 di Giuseppe Babbo
Jesolo, scontri tra bande: un'altra notte di movida violenta
2

JESOLO - Pugni e calci ai passanti, ma anche l’ingresso di un hotel danneggiato e infine una rissa tra due gruppi di giovani con un ferito e due contusi ma anche alcune persone identificate. E’ la sintesi dell’ennesimo sabato notte di violenza a Jesolo. A fare da filo conduttore c’è sempre l’abuso di alcol, quindi lo sballo e la voglia di provare l’eccesso, meglio se agendo in branco e attaccando gli altri. Se la prima parte della serata è trascorsa tra senza grossi problemi, eccetto i soliti schiamazzi e la presenza di tanti addii al celibato con i soliti cori e gesti volgari, la tensione è salita dopo la mezzanotte. Il punto più critico è stato segnalato come sempre tra piazza Mazzini e piazza Aurora, ma la presenza di ubriachi è stata segnalata praticamente ovunque. In via Verdi, per esempio, un gruppo di altoatesini visibilmente alterati ha infastidito i clienti dei locali della zona. E dare “spettacolo” è stato anche un gruppo di turisti italiani, anche in questo caso tutti ubriachi, tra schiamazzi e tentativi di espletare i propri bisogni sulla pista ciclabile, di fronte agli occhi sgranati di chi passava sulla strada in quel momento. La violenza è esplosa attorno alle 2, lungo via Silvio Trentin, a due passi da piazza Mazzini. E’ qui che un gruppo di almeno una decina di giovani, ragazzi e ragazzi tutti al massimo ventenni, italiani di terza generazione e residenti nei comuni limitrofi, ha iniziato a dare pugni e schiaffi a chi passava a tiro. Tra di loro con molta probabilità anche dei giovani moldavi che si è scagliato contro l’ingresso dell’hotel Torino di piazza Trento dove dei passanti avevano trovato rifugio per scappare alle aggressione. Il gruppo ha gettato per aria diversi tavoli e arredi dileguandosi poi tra il lungomare e piazza Aurora. Non prima però di aver urlato «Jesolo è nostra», forse emulando gli episodi avvenuti sul Lago di Garda. In piazza Aurora l’ultimo atto di una notte di follia, sempre con una rissa tra due gruppi opposti di giovani, con un ferito e due contusi che avrebbero riferito alle forze dell’ordine di essere stati colpiti da un gruppo di ragazzi e ragazze.

L’INTERVENTO

Sul posto, oltre all’ambulanza del 118, sono giunte le pattuglie dei Carabinieri e una voltante della Polizia di Stato che hanno avviato immediatamente le indagini identificando anche delle persone. Nelle prossime ore gli agenti saranno vagliate anche le telecamere di videosorveglianza della zona per accertare le varie responsabilità. Immancabili le proteste di commercianti e residenti ma sotto accusa sono finiti anche quegli esercizi che hanno continuano a vendere alcol a persone ubriache. «E’ stata un’altra notte difficile – commenta il sindaco Valerio Zoggia – credo che l’ordinanza anti-alcol nei prossimi giorni sarà una priorità». 

Ultimo aggiornamento: 09:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci