Jesolo una pozzanghera. Zaia risponde a De Luca: «Pulizia. Sanità. Accoglienza sono i nostri plus»

PER APPROFONDIRE: jesolo, luca zaia, pozzanghera
​Jesolo una pozzanghera. Zaia risponde a De Luca: «Pulizia. Sanità. Accoglienza sono i nostri plus»
“Caro Vince’, Ccà nisciuno è fesso. Secondo te 32 milioni di italiani e stranieri che scelgono il sole e il mare di Jesolo e del Veneto e il verde di Cavallino sono fessi...? Pulizia. Sanità. Accoglienza sono i nostri plus”. Lo dice il Presidente della Regione del Veneto, commentando la polemica lanciata dal Governatore della Campania contro le spiagge di Jesolo a Cavallino, definendo tra l’altro Jesolo come “una pozzanghera”.

“L’invidia è una pessima musa ispiratrice – prosegue - fa perdere lucidità. Fa dire e fare strafalcioni, che magari non si pensano. E’ successo anche all’amico collega De Luca. La sua Campania ha un territorio e un mare meraviglioso, ma se Jesolo e Cavallino da sole fanno quasi 12 milioni di presenze l’anno, fossi in lui mi chiederei perché succede, escludendo l’ipotesi che i turisti non siano in grado di valutare la qualità della vacanza che scelgono”.

“Se Cortellazzo e Treporti attraggono più di Posillipo – aggiunge il Presidente Veneto – un motivo c’è, ed è prima di tutto la qualità complessiva dell’offerta veneta, grazie alla quale siamo la prima regione turistica d’Italia con 70 milioni di presenze l’anno e quasi 20 milioni di arrivi. E in questo ambito Jesolo apporta 5,5 milioni di presenze e Cavallino, la capitale internazionale del plen air, arriva a 6,2 milioni”.

“Capisco che siano cifre che possono far girare la testa a un competitor come il Governatore della Campania – aggiunge il collega veneto – ma i numeri arrivano per dei motivi: la professionalità degli imprenditori e operatori del settore; la sicurezza per i clienti, che trovano vacanze sicure grazie all’ordine pubblico e a un sistema sanitario tarato sulle loro esigenze; la qualità ambientale con ferrei e continui controlli sulla balneabilità delle località; le attrezzature che arricchiscono gli stabilimenti balneari; la buona cucina, il buon pesce, il buon vino. Mi fermo qui. Ho fatto questo breve elenco per dire grazie ai nostri operatori e per dire all’amico De Luca che, a volte, basta copiare”.

ASCOM  «De Luca? È lo specchio della cattiva politica italiana, che preferisce denigrare gli altri, anziché fare mea culpa su quello che non ha fatto per migliorare le cose». Così il presidente di Confcommercio San Donà-Jesolo, Angelo Faloppa «De Luca rappresenta quella classe politica che, per evitare di approfondire i motivi per cui le cose non vanno bene, preferisce denigrare gli altri . Ecco, allora, che Jesolo e il Veneto non vengono presi ad esempio per la virtuosità e per le cose positive, ma si cerca di demolirne i contenuti. Si cerca, insomma, di diminuire il livello degli altri, piuttosto che aumentare il proprio: la colpa è sempre degli altri, del Nord, dell'Europa, del Governo». Per la Confcommercio di Jesolo, De Luca si dovrebbe chiedere «come mai non riesce a crescere turisticamente tanto quanto le altre regioni, invece di sparare contro una realtà come il Veneto che da tempo, e non da oggi, è la prima regione d'Italia per presenze turistiche, e su località come Jesolo che ha imprenditori ed istituzioni che operano per fare crescere il livello dei servizi e per fare emergere le proprie eccellenze e non le inadeguatezze degli altri. De Luca, ahimè, è lo specchio della politica italiana». Faloppa si dichiara contrario all'idea di invitarlo a Jesolo: «non lo vogliamo, anche perché non servirebbe a nulla: lui conosce bene le nostre realtà - spiega -. Preferisco rimanga in Campania per lavorare e farla crescere, che è una regione bellissima e che merita molto di più di quello che ha. Compito della politica e degli amministratori è quello di creare i presupposti per aiutare il turismo: infrastrutture, strade, collegamenti con gli aeroporti, sicurezza, lotta alla criminalità. Se la politica fa la propria parte - conclude - gli imprenditori fanno la loro creando economia e posti di lavoro»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 12 Maggio 2019, 14:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Jesolo una pozzanghera. Zaia risponde a De Luca: «Pulizia. Sanità. Accoglienza sono i nostri plus»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2019-05-15 19:05:12
Er.pomata la.verita ti fa male
2019-05-13 18:52:43
Gentile ste_jk2 non è mia intenzione denigrare (gratis)essere offensivo o alimentare polemiche o discussioni che si basano su OPINIONI PERSONALI e non su FATTI OGGETTIVI ma: 1)per restare nel mondo reale, con i piedi per terra..nel mondo reale, appunto, l'alto adriatico (che piaccia o meno)è e resta un grande bacino LACUSTRE con fondale basso e sabbioso. 2)Stupefacente leggere il suo commento che palesemente ammette: "città come venezia verosimilmente ecc. ecc" evidentemente anche lei ne è pienamente convita/o!! proprio come tutti noi e il resto dei turisti del pianeta !! riconosce (apertamente)il fascino e la bellezza di Venezia in quanto tale ma non di Jesolo e la sua costa!! Qui oggetto della discussione... quindi la invito a rileggersi il titolo nonché contenuto dell'articolo...giusto per non andare fuori tema... 3)La invito (ancora) ad avere una visione reale e non fantasiosa: non serve spingerle, le Dolomiti, sono belle e stanno bene lì dove sono: è molto più realistico e si fa miglior figura spiegare (ad un turista?)che si trovano in Italia. Nemmeno milioni di italiani conoscono la differenza o i confini tra veneto, friuli, trentino.... 4)Già che ci siamo grazie per la correzione grammaticale, non mi piacciono gli errori di ortografia
2019-05-13 15:56:27
De Luca tratta i turisti come tratta gli elettori: sono furbi quando lo votano e polli quando votano altri. Che poi il presidente di una regione ne affossi un'altra pensando di rendere meno brutta la propria, e' cosa che non udivo da quando frequentavo le media, eccezion fatta per le campagne elettorali leghiste (ça va sans dire). Paragonare il Golfo di Venezia ad una pozzanghera testimonia solamente l'ignoranza di chi fa tale affermazione. Senza dubbio De Luca non ha mai pescato al largo del Cavallino o di Jesolo, altrimenti conoscerebbe la poesia di quel sole che ti sorge in viso e ti fa voltare a gurdare Venezia mentre i gabbiani ti danno il buongiorno in attesa di ricevere qualche pesciolino dalle tue reti ancora a mare. Solo allora conoscerebbe l'esaltazione che si prova a guardare quel pezzo di Adriatico con gli stessi occhi di Marco Polo o di Andrea Gritti e quanto sia ingiusto, ancor prima che falso, ettichettare questa magnificienza quale pozzanghera.
2019-05-13 12:34:32
la sorte manda il pane a chi non ha denti.... onore al merito, il sud itaglia è ben quotato...... pero' evete mai prenotato un appartamento fronte mare alle isole eolie e poi all'arrivo vi vedete assegnato uno che guarda da tutt'altra parte ?..... e le Petralie vicino a palermo ? dichiarate fra i borghi piu' belli d'itaglia e poi non trovare da mangiare ? deve cambiare la mentalita' del sud, i turisti non sono polli da spennare; capri, taormina, posillipo: forse una volta, ora sono vittime dell'inflazione e del pressapochismo di chi li governa.... Mondello, Isola delle Femmine, Sferracavallo, c'è da prendere un'infezione alla pelle appena ci si avvicina.... certo anche nel Veneto ci sono mancanze, pero' non è giusto essere ostentatamente rancorosi e sprezzanti....... la perfezione non esiste da nessuna parte.....
2019-05-13 10:36:09
Riguardo alla sanita' avrei qualcosa da ridire. Aspetto una preospedalizzazione a Castelfranco Veneto da 8 mesi. Sono veneto. Grazie Zaia. Mi viene il dubbio che Lei non conosca la situazione di cui spesso parla durante le interviste.